Volley Cutrofiano: il Cuore di Mamma in A2 per il terzo anno consecutivo, con Carrattù confermato in panchina

217
"Cuore di mamma" Cutrofiano
Le ragazze del Cuore di Mamma Cutrofiano

Cutrofiano – Squadra iscritta in serie A2 per per il terzo anno consecutivo e conferma di coach Antonio Carrattù sulla panchina del Cuore di Mamma. Due passi in avanti mossi in rapida sequenza che proiettano la formazione delle “Pantere” verso un’altra annata da portabandiera della pallavolo pugliese.

Dopo l’emergenza Coronavirus e i danni economici causati da una pandemia che ha messo in serie difficoltà la stragrande maggioranza delle società sportive, l’iscrizione a un campionato di alto livello come quello dalla A2 non era affatto cosa scontata.

Le basi per costruire la stagione 2020-21

La solidità dell’assetto societario, i sostegni, le competenze della dirigenza e la passione di una piazza in continuo fermento hanno permesso al Cutrofiano volley di continuare a competere sui palcoscenici più importanti del panorama nazionale. E la successiva conferma di Carrattù è stata una naturale conseguenza.

Antonio Carrattù

Un effetto domino che ha gettato le prime basi per costruire la rosa della stagione 2020-21. Il tutto condotto sotto la regia del direttore sportivo Francesco Melegari, che è sempre al lavoro per allestire un organico all’altezza della categoria. “Continuerò a lavorare per il Cutrofiano e già questo è per me motivo di grandissimo orgoglio – spiega coach Carrattù –. Poter stare qui a lungo permette una programmazione seria a 360 gradi, a partire dai progetti del settore giovanile sino alla prima squadra”.

Nulla si lascia al caso e questo è davvero un ottimo ambiente. Qui mi sento ormai a casa, c’è piena sintonia con tutti e il lavoro viene così molto facilitato. La dirigenza è sempre pronta a intervenire per il meglio. Non parliamo ora di mercato, ci siamo confrontati e ognuno è ben consapevole di ciò che dovrà fare. Non era scontata l’iscrizione al prossimo campionato di A2 e ognuno ha fatto sforzi immensi per garantire un futuro a questa realtà. Per questo tutti, a iniziare da me dovranno sempre dare il massimo”.