Antonia Occhilupo

Lecce – Un appuntamento per parlare di una malattia rara, poco conosciuta e difficile da diagnosticare: è dedicato alla miastenia gravis il convegno in programma sabato 16 marzo (dalle ore 8 alle 17) presso l’hotel Tiziano. A organizzarlo è l’associazione Miastenia gravis, presieduta dalla psichiatra Antonia Occhilupo (di Acquarica del Capo), anche lei affetta da questa malattia.

Cos’è la miastenia gravis? Si tratta di una malattia che può essere congenita o autoimmune ed è caratterizzata da un affaticamento muscolare grave, tale da compromettere la possibilità per chi ne è affetto di condurre una vita normale. La miastenia gravis spesso viene diagnosticata con notevole ritardo rispetto alla sua comparsa, perché confusa con altre patologie: da qui la necessità di sensibilizzare sul tema. Sul sito dell’associazione della dottoressa Occhilupo si legge: “La diagnosi difficile da formulare ci fa rievocare la lentezza nella miastenia, ma la tartaruga (simbolo dell’associazione, ndr) ci sosterrà nel coraggio di prendere per mano la nostra compagna di viaggio e nella speranza che la ricerca clinica possa fare… passi da gigante”.

Fra i temi trattati nel convegno rete e risorse fra ospedale e territorio nella gestione delle malattie rare, terapia e farmaci controindicati, l’approccio nutrizionale e il trattamento chirurgico delle patologie del timo, spesso connesse con la miastenia gravis.

Pubblicità

Il convegno è patrocinato dall’Asl Lecce, dall’ordine dei medici chirurghi e degli odontoiatri della Provincia di Lecce, da Ainat (Associazione italiana neurologi ambulatoriali territoriali) e Sno (Società dei neurologi neurochirurghi neuroradiologi ospedalieri).

Pubblicità

Commenta la notizia!