Ugento, gli studenti delle medie donano oltre 400 euro alla Protezione civile per l’emergenza Coronavirus

851
Scuola media Ignazio Silone Ugento
La scuola media “Ignazio Silone” di Ugento

Ugento – Giovanissimi in prima linea nella gara di solidarietà per dare una mano a chi sta subendo più di altri la crisi economica innescata dall’emergenza Coronavirus: gli studenti della scuola media di Ugento e Gemini hanno infatti deciso di donare alla locale Protezione civile il fondo cassa che avevano raccolto per attività culturali e didattiche ora saltate a causa delle restrizioni anti Covid.

Due le donazioni che si sono susseguite in queste ore, per un totale di 416 euro. I primi a donare sono stati gli alunni della 3c della scuola media “Ignazio Silone” di Ugento, con un contributo di 176 euro.

Solidarietà, i ragazzi ci credono e scendono in campo

I ragazzi della 3c possono essere e sono l’esempio vivente di responsabilità civica e morale, verso chi più ha bisogno – è il ringraziamento che si legge sulla pagina facebook della Protezione civile. – Hanno dimostrato che essere #giovani non è sinonimo di essere menefreghisti, il loro #dono e quello delle loro famiglie permetterà ad altre famiglie del loro paese di poter riprendere a respirare!”.

A seguire è arrivata la donazione degli studenti della 3a, sempre della scuola media “Ignazio Silone”, cui si è unito un fondo cassa raccolto da tutte le classi medie di Ugento e Gemini per l’ospitalità dei ragazzi di Arcugnano (Comune della provincia di Vicenza gemellato con Ugento). Il totale di questa nuova donazione ammonta a 240 euro.

Il Coronavirus si è diffuso con grande velocità, ma c’è qualcosa che si sta diffondendo con una velocità maggiore. In questa gara sta vincendo lei, la #solidarietà – si legge ancora sulla pagina facebook della Protezione civile. – Non possiamo far vincere il virus quando questi ragazzi ci credono e sono scesi in campo, la forza delle nuove generazioni è esempio per tutti, un grosso grazie anche alle loro famiglie per il #sostengo e la #fiducia!”