Tricase, la maggioranza perde un altro pezzo. La palla torna al Sindaco Chiuri già dimissionario

757

Tricase – Continuano i colpi di scena a Palazzo Gallone: dopo le dimissioni del presidente del Consiglio Dario Martina, in rotta col Sindaco Carlo chiuri, e dello stesso primo cittadino il 3 ottobre scorso, ecco un altro pezzo della maggioranza consiliare che si stacca. Si tratta di Giuseppe Peluso (foto) della lista “Tricase punto e a capo”.

“Dopo mesi di attesa alla finestra, mi trovo costretto, con grande rammarico, a dichiarare in questo momento così delicato le mie decisioni per rispondere alle continue perplessità dei miei concittadini”, afferma il consigliere.

“Come dichiarato dal Sindaco nel mese di giugno, con l’appoggio di tutta la maggioranza, entro fine settembre si sarebbe dovuti arrivare ad una completa rimodulazione della Giunta. Io – scrive Peluso –  pur di mantenere un equilibrio in Consiglio, ho accettato di sacrificare il mio assessore mettendo, come sempre, al primo posto gli interessi della collettività e non del singolo”.

L’impegno non mantenuto: la nuova Giunta

Come è noto, il riassetto della Giunta dopo l’estromissione di Antonella Piccinni (vicesindaco) e Mario turco, non si è ancora completato. Sarebbe stata questa la goccia che avrebbe fatto traboccare il vaso di Peluso: “Dopo vari rinvii e promesse non mantenute – sostiene – siamo arrivati ad ottobre dove la situazione è rimasta invariata. Mi piace essere una persona coerente e corretta con me stesso e con gli altri, atteggiamento questo che non è stato ricambiato nei miei confronti. Per i motivi sopra esposti, ritengo che ad oggi non ci siano i presupposti per continuare un rapporto collaborativo e di fiducia con l’attuale maggioranza”.

Carlo Chiuri

La strategia di Chiuri Le dismissioni del 3 ottobre del Sindaco Carlo Chiuri erano state viste da alcuni come una strategia per rinserrare le fila della maggioranza. Ma la presa di distanza di Peluso, dopo quelle degli assessori giubilati e dello stesso Martina paiono smentirne l’efficacia.

La lettera ultimatum ha accelerato i tempi

Come a poco era servita la lettera-ultimatum indirizzata a Martina da parte del Sindaco e di otto consiglieri della maggioranza con cui si chiedeva al presidente del Consiglio comunale di dire pubblicamente “se, di fatto, è componente a tutti gli effetti del gruppo di maggioranza”.

Le risposte sono arrivate e non sembrano molto incoraggianti per Chiuri, che ha poco meno di venti giorni per ritirare le dimissioni oppure per confermarle dopo aver ben capito seesiste una maggioranza da cui cominciare dopo appena due anni dalle elezioni vinte.