Torre San Giovanni, cani in spiaggia sì o no? Un cittadino protesta, il sindaco replica: il divieto è regionale

10266

Torre San Giovanni (Ugento) – Cani in spiaggia sì o no? L’accesso al litorale da parte degli amici a 4 zampe è da tempo oggetto di discordia e a chi si trova nella condizione di partire per le vacanze con il proprio animale domestico sarà capitato di dover fare i conti con la normativa in materia, che prevede sanzioni dai 25 ai 500 euro per chi porta i cani al mare. A riassumere quello che è probabilmente il sentire di molti, riportiamo una mail giunta alla nostra redazione e indirizzata al sindaco di Ugento Massimo Lecci:

Buongiorno caro sindaco di Ugento, 
con la presente esprimo tutto il mio dissenso in merito alla vostra ordinanza che vieta l’ingresso di animali sulle spiagge. 
Il cane, come il gatto ed altri animali d’affezione, sono ritenuti dalla Corte Costituzionale parte integrante della famiglia. Quindi se il sottoscritto, o qualsiasi cittadino, desidererà recarsi in vacanza o anche a fare una semplice passeggiata in riva al mare, ciò non sarà possibile: scandaloso e retrogrado. Lei sa benissimo che gli animali sono esseri viventi senzienti dotati di sensibilità ed accortezze uniche non paragonabili al miglior essere umano. E se non lo sapesse la invito ad informarsi meglio. Le spiagge si sporcano per colpa di altri gravi motivi non legati ai bisogni fisiologici di un tenero ed innocuo cane. E se lei pensa che tale restrizione amministrativa sia motivata da misure di sicurezza, allora sarebbe il caso che studiasse personalmente, o chi per lei, documentazioni e testimonianze autorevoli che determinano la non pericolosità verso le persone. 
Detto questo, se queste poche parole non sono servite a convincerla nell’eliminare l’ignobile divieto, la invito formalmente a contattare le numerose associazioni animaliste che potranno delucidarla al meglio. Sono sempre di più infatti le persone sensibili alla tutela e salvaguardia animale, e la sua amministrazione in questo resta molto indietro, dimostrando scarsa cura ed attenzione nei riguardi di chi si sforza ogni giorno nel diffondere maggiore cultura ed etica. Gli animali hanno bisogno di maggiori tutele, il futuro è a disposizione di tutti gli esseri viventi. 
Resto in attesa, comunicandole quanto segue: né io o altri miei amici, parenti e conoscenti, si recheranno nella vostra località turistica per trascorrere le vacanze o anche semplicemente di passaggio. Finché sarà in vigore l’ordinanza, la nostra pubblicità sarà assolutamente pessima.

Nulla di personale. I miei più sinceri auguri di buon lavoro e buone vacanze.

Pubblicità

Roberto Contestabile

La replica del sindaco – Il sindaco Lecci ribatte riportando il tutto alla sfera di competenza, che è regionale e non comunale: “L’ordinanza che vieta l’accesso dei cani in spiaggia è un’ordinanza (la n. 270 del 2017) che arriva dalla Regione Puglia, non dal Comune. Per questo motivo, il Comune di Ugento – come tutti i Comuni rivieraschi – ha l’obbligo di applicarla, senza poter intervenire nel merito”.

Pubblicità