A Tiggiano per combattere la Xylella e salvare gli ulivi: la prima iniziativa della onlus Save the Olives

1357

Tiggiano – Musica al tramonto per salvare gli ulivi: è l’iniziativa dell’organizzazione no profit Save the Olives (di Tricase), che sabato 21 luglio alle ore 19,00 porterà in un uliveto di Tiggiano (in località Matine) il concerto di un’orchestra da camera composta da musicisti del Teatro “La Scala” di Milano. L’evento è il primo organizzato dall’associazione e ha lo scopo di sensibilizzare sul tema della lotta alla Xylella, raccogliendo fondi per questa causa. Ingresso libero per il pubblico, con posti a sedere riservati a chi ha già fatto una donazione.

Il progetto è promosso da Save the Olives ed è stato presentato nel corso della conferenza stampa di lunedì mattina a Palazzo Adorno, a Lecce. Presenti Antonio Gabellone, presidente della provincia, il sindaco di Tiggiano Ippazio Morciano e il sindaco di Tricase Carlo Chiuri, che ha concesso un locale che diventerà sede della neonata associazione. Insieme a loro il segretario generale di Save the Olives Agostino Petroni, Fabio Mazzocca e Tommy Dibari, rispettivamente presidente e direttore generale di Wake Up, l’agenzia di comunicazione di Barletta che ha ideato il logo di Save the Olives.

Importanti testimonial – Oltre che da agronomi, agricoltori, imprenditori, studiosi e semplici cittadini con un grande amore per il territorio, la causa di “Save the Olives” è stata sposata anche da artisti e personaggi famosi: su tutti spiccano i nomi dell’attrice inglese Helen Mirren e di suo marito, il regista Taylor Hackford. Già proprietari di una masseria proprio a Tiggiano e sostentori del progetto di un museo cittadino dedicato al genere cinematografico dello Spaghetti western (qui l’articolo), Mirren e Hackford hanno più volte fatto sentire la loro voce sulla necessità di difendere gli ulivi, come ribadito anche nei video messaggi ascoltati durante la presentazione a Palazzo Adorno.

Pubblicità

Giù le mani dagli ulivi – La conferenza stampa di lunedì è stata poi l’occasione per presentare il logo di Save the Olives: si tratta di una sezione di un albero d’ulivo con il palmo di una mano, a simboleggiare il monito a non toccare quello che è un patrimonio del Salento. “Stiamo raccogliendo già diverse adesioni da parte di personaggi molto noti del cinema, dello spettacolo e dell’imprenditoria che vogliono metterci la faccia – spiega Mazzocca – e presto lanceremo una campagna mondiale. È arrivato il momento di alzare la voce su un problema che purtroppo qualcuno vuole ancora far passare come un’invenzione”. E Petroni aggiunge: “Purtroppo la Xylella è tutt’altro che un’invenzione, come sostengono i ricercatori di Cnr e Chieam. Siamo lontani dalla politica e dalle polemiche, non crediamo alle idee di cospirazione. Crediamo solo che questo problema sia enorme e che vada affrontato con la giusta determinazione, affidandosi al mondo scientifico”.

Pubblicità