Tecnologie e benessere umano: riconoscimento internazionale per Luciano Tarricone, docente di Campi elettromagnetici ad UniSalento

1056

Galatone – Il professor Luciano Tarricone, docente di Campi elettromagnetici presso il Dipartimento di Ingegneria dell’Innovazione dell’Università del Salento, è stato nominato “fellow” della “IEEE”, associazione tecnico-professionale leader mondiale nella promozione dell’avanzamento tecnologico applicato al benessere umano.

L’associazione riunisce circa 400mila studiosi attivi in 160 nazioni in svariati settori, dall’informatica alle telecomunicazioni all’ingegneria biomedica, elettrotecnica ed elettronica; pubblica il 30 per cento della letteratura scientifica mondiale in tali settori, cura oltre 1300 standard industriali e finanzia ogni anno circa 1700 importanti conferenze internazionali.

Il riconoscimento

Il riconoscimento è stato attribuito al professore originario di Galatone “per il suo contributo allo studio delle interazioni fra microonde e sistemi viventi e relative applicazioni biomediche”: la sua attività di ricerca è stata apprezzata, infatti, per le ricadute in termini di ricerca di base sugli effetti dei campi elettromagnetici sui sistemi biologici, e per le possibili applicazioni come lo sviluppo di tecnologie per sensori e dispositivi biomedicali impiantabili.

«Sono molto contento di questo riconoscimento così importante e ancor di più – afferma Tarricone – per essere quest’anno l’unico italiano a riceverlo, per le materie di mia competenza. E sono contento per la mia università, visto che sono anche il primo docente dell’Università del Salento a essere insignito di questa onorificenza».

Tarricone si occupa prevalentemente di interazione fra Campi elettromagnetici e sistemi viventi, tecnologie elettromagnetiche abilitanti per sistemi wireless intelligenti, metodi numerici avanzati per l’elettromagnetismo. Ha svolto attività di ricerca presso l’Istituto superiore di sanità, il Centro scientifico dell’Ibm e l’European center for scientific and engineering computing dell’Ibm a Roma. Ha insegnato all’Università di Perugia ed è a Lecce dal 2001.