Taurisano, all’Istituto “Bottazzi” Roberto Treglia porta in scena la vita del filosofo Vanini

2824
Roberto Treglia

Taurisano – La storia di Giulio Cesare Vanini, il filosofo di Taurisano diventato martire della libertà dopo la morte sul rogo nel 1619, arriva a scuola: venerdì 25 gennaio (alle ore 11,30) l’Istituto “Bottazzi” ospita infatti lo spettacolo teatrale dedicato al filosofo, portato in scena dall’attore e regista Roberto Treglia. Presentano il professor Francesco Paolo Raimondi del Centro internazionale di studi vaniniani (con sede a Taurisano) e la docente dell’istituto Anna Rosa Potenza.

Lo spettacolo rientra nel calendario di eventi in preparazione del convegno internazionale di studi “Giulio Cesare Vanini: filosofia della libertà e libertà del filosofare”, che si svolgerà dal 7 al 9 febbraio tra Lecce e Taurisano, e dal 17 al 10 aprile a Tolosa. Proprio qui, a Tolosa, Vanini fu arso vivo sul rogo a soli 34 anni, con l’accusa di “ateismo, bestemmia, empietà e altri eccessi”. Oggi il filosofo è considerato fra i primi esponenti del libertinismo erudito, accostato a pensatori quali Giordano Bruno e Tommaso Campanella.