Splende la Notte bianca

1849

Torre Mozza

UGENTO. Anche la marina di Torre Mozza vive la sua estate tra feste, sagre, divertimento, ma non mancano i problemi di sempre a dare grattacapi agli operatori turistici e ai residenti. Tra questi, l’erosione costiera è certamente quello che più preoccupa, sia per le conseguenze ambientali, sia per le ripercussioni dal punto di vista turistico.

In particolar modo quest’anno, è notevole la quantità di sabbia che la forza del mare prende e rilascia ad intervalli non sempre regolari. Lo spiega il titolare del villaggio “La Giurlita”, Giuseppe Franza: «In base alle variazioni del vento la spiaggia cresce e decresce, e noi siamo costretti a montare e smontare gli ombrelloni. Il problema non è solo nostro, ma di tutta la fascia sabbiosa. Quest’anno la situazione è ancora più grave degli altri anni: se non si interviene con un progetto serio, presto non avremo più le nostre dune, con danni sia ambientali, sia turistici. L’amministrazione comunale dovrebbe interessarsi al più presto del problema, per impedire che il mare continui ad erodere le dune. Non fare nulla significa arrecare danni al territorio”. Per Franza si dovrebbe procedere con l’accaparramento di fondi comunitari e con l’installazione di apposite barriere adatte ad evitare l’erosione.

C’è da dire che il problema dell’erosione costiera interessa in egual misura tutte le coste salentine sia del litorale adriatico sia ionico e che molte sono state le proteste dei gestori dei lidi che anno dopo anno vedono risucchiati metri di spiaggia. Varie anche le soluzioni proposte, ma nessuna finora, risolutiva.

Nonostante tutto, nella più piccola delle marine ugentine continuano a svolgersi le manifestazioni estive programmate dalle associazioni locali. D’altronde è estate, i turisti, come gli anni scorsi, anche se forse in numero inferiore, arriveranno, ritroveranno i lidi amati e riannoderanno antiche amicizie. Torre Mozza vuole continuare a offrire le opportunità di divertimento, come negli anni scorsi.

Il primo agosto, quindi,  ci sarà la terza edizione della “Notte bianca”, a cura della pro-loco Beach Gemini e Torre San Giovanni. Musica per tutti i gusti e degustazioni di prodotti tipici.

Si esibiranno, dislocati sulle tre piazze della marina: alle 21 gli “A94 – Balli di gruppo con Franco e Sabrina”; alle 23 “I Calanti”; alle 21.30 i “Wallop,N’Dust”; alle 23.30 i “Camden”; a mezzanotte e 30 “Lu rusciu nosciu”. Inoltre ci saranno “Prontera Adolfo – Pannu de unu, canta e sona sulu”, dance hall con “Paparina Silecta”, “Lato beat italiano ’60 ’70”, i “Cafè Chinaski”, la “Quadriglia melissanese”, i “Disturband” e un raduno di auto e moto d’epoca.

Sul lungomare, poi, saranno allestiti stand di prodotti enogastronomici e dell’artigianato locale. La degustazione dei prodotti ticipi sarà a cura delle strutture ricettive della marina.Per una notte i problemi saranno dimenticati.