Sospetti da rifiutare. Casarano, da “Vora” a parco

2012
AGOSTO 2011 Fiamme nei campi di spandimento del depuratore comunale sito sulla Provinciale per Taviano
AGOSTO 2011 Fiamme nei campi di spandimento del depuratore comunale sito sulla Provinciale per Taviano

IN EVIDENZA. Un parco acquatico per dimenticare allagamenti, incendi e aria insalubre. Questo il sogno di Casarano che punta alla bonifica e al rilancio, anche in termini naturalistico-ambientali, dell’area adiacente i bacini di spandimento del depuratore comunale sito in contrada Vora. Il cammino (avviato intorno all’anno 2000) ha trovato nei giorni scorsi la giusta propulsione grazie all’ammissione a finanziamento del progetto da quasi 4,9 milioni di euro da parte della sezione risorse idriche della Regione Puglia. La strada, però, è ancora lunga visto che i tempi di attivazione sono legati all’effettiva disponibilità delle somme. Si punta a riqualificare l’area, da sempre una sorta di brutta “cartolina” di benvenuto per quanti giungono in città dalla provinciale per Taviano per i suoi frequenti straripamenti (sui fondi attigui e sulla stessa strada), per i tradizionali roghi estivi (quelli del 2010 e del 2011 andarono avanti per settimane) e per l’insopportabile tanfo tipico degli anni nei quali il vecchio depuratore non depurava affatto. Il progetto del Parco acquatico naturalistico prevede la rinaturalizzazione del bacino, la sistemazione di un sistema di viabilità interna ed esterna, un’area servizi con spazi informativi, aree ristoro e didattiche per rendere fruibili ai visitatori (si pensa a scolaresche e turisti) le specie di flora e di fauna venutesi a creare nel corso degli anni nell’area umida.

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!