Sant’Isidoro libera dagli attracchi abusivi. Ripulito anche il fondale della baia

630

Sant’Isidoro (Nardò) – Baia liberata dai natanti abusivi e fondali ripuliti a dovere all’intero dell’Area marina protetta: l’operazione condotta dalla Guardia costiera a Sant’Isidoro ha permesso di risolvere un problema annoso grazie anche alla collaborazione dell’Amministrazione comunale. «In questa baia – afferma, infatti, il consigliere delegato Giuseppe Verardi – il fenomeno degli attracchi abusivi era diventato quasi normalità, un inaccettabile sopruso». I militari della Guardia costiera di Gallipoli insieme ai colleghi del Primo nucleo subacquei di San Benedetto del Tronto hanno provveduto a rimuovere rifiuti abbandonati da anni oltre ai corpi morti collocati abusivamente nello specchio d’acqua antistante il porticciolo. nel corso dell’intera mattinata di ieri è stato possibile recuperare ben 38 tra gomme e blocchi di cemento, insieme ad un pedalò. In precedenza, ai proprietari dei natanti che senza alcuna autorizzazione occupavano la baia era stato intimato di abbandonare l’area e il relativo attracco abusivo. Da ciò la necessaria bonifica della baia condotta con successo.

Pubblicità