Quattro gli indagati a Bologna per la morte dell’universitario di Gallipoli travolto da un muro

731

Gallipoli – Sono quattro gli iscritti nel registro degli indagati per la morte del 22enne studente universitario di Gallipoli Francesco Caiffa. La Procura della Repubblica di Bologna ha deferito in stato di libertà quattro persone (tra le quali un imprenditore edile ed un ingegnere) considerate a vario titolo responsabili del tragico incidente avvenuto lo scorso 20 ottobre in seguito al quale Caiffa ha poi perso la vita due giorni dopo in ospedale.

Il giovane si trovava sul terrazzo di un appartamento quando una betoniera in azione in un cantiere adiacente ha effettuato una manovra sbagliata provocando la caduta del muro che ha poi travolto il 22enne universitario. Il crollo ha pure coinvolto un amico di Caiffa, rimasto gravemente ferito dalla pioggia di mattoni e calcinacci. Malgrado il trasporto d’urgenza nell’ospedale “Maggiore” della città felsinea, per il giovane gallipolino non c’è stato nulla da fare a causa delle gravissime ferite riportate.