Qualche chiusura e molta voglia di ripartire: l’estate delle attività commerciali a Mancaversa, Torre Suda e Capilungo

944
Gel igienizzante e norme anti Covid fuori da un locale

Mancaversa-Torre Suda-Capilungo – Un avvio di stagione a due volti quello dell’estate 2020: se meteorologicamente parlando il bel tempo pare sia pronto a esplodere, dal punto di vista economico il quadro continua ad apparire tutt’altro che roseo.

Gli esercenti delle attività commerciali nelle marine di Mancaversa (Taviano), Torre Suda (Racale) e Capilungo (con Posto Rosso, appartenenti ad Alliste) hanno provveduto negli ultimi giorni a rinnovare gli spazi comuni – soprattutto nei bar, nei ristoranti e nei solarium – sanificando gli ambienti e armandosi di gel igienizzante e segnaletiche con le indicazioni da seguire per evitare il contagio da Covid-19. 

La speranza della ripresa

Nelle tre marine sarebbero due le attività commerciali chiuse, due locali entrambi situati a Torre Suda: qui la pandemia non ha fatto altro che aumentare le criticità, inducendo i proprietari ad abbassare definitivamente le saracinesche. Per il resto solo riaperture ritardate, in attesa che i residenti dall’entroterra raggiungano la costa.

Seppur con perplessità e un senso di smarrimento generale, “c’è voglia di ripartire per cercare di rendere normale una stagione che di normale non ha più nulla”, osservano alcuni operatori del ricettivo della zona. “Siamo consapevoli del periodo atipico e singolare che noi esercenti, e non solo, stiamo vivendo e delle inevitabili difficoltà che la pandemia ha causato, ma speriamo di riprenderci presto”. 

Investimenti per garantire la sicurezza

A invocare un ritorno alla normalità che ridia slancio nel mondo del lavoro è un intero territorio che negli ultimi anni ha guardato con particolare interesse alla stagione estiva come fonte di ricchezza.

Le nostre attività commerciali sono sicure – garantiscono ancora gli operatori –. Abbiamo investito per l’igienizzazione convertendo gli spazi nei quali eravamo abituati a lavorare. Ora abbiamo voglia di offrire momenti di relax, serenità e divertimento agli ospiti sulla nostra bellissima costa”.

Insomma, gli operatori del settore hanno fatto e continuano a fare il possibile per rendere gli ambienti sicuri rispetto alle normative anti-contagio: sono state acquistate attrezzature per garantire ogni giorno la sanificazione. Adesso tocca ai residenti e ai vacanzieri continuare ad adottare atteggiamenti consoni e responsabili.

Mattia Chetta