Piccinno ed il suo Salento: in mostra a Treviso gli scatti del fotografo aletino

1522

Alezio – La quarta edizione della mostra “5 idee di fotografia” del’associazione Veneto Fotografia che si apre domani a Palazzo dei Trecento a Treviso , ha tra i cinque espositori il salentino Michele Piccinno, originario di Alezio, ex dirigente dell’Ufficio provinciale del lavoro  trevigiano, ora in pensione.

Piccinno vi partecipata con le sue opere raccolte del libro “Guardami”, insieme a Milena Cescatti (Scatti di Versi), Roberta Cuzzolin (Home and Away), Santina Pompeo (The right education) e Alberto Privitera (l’Anti Realtà). La mostra, durata dal professore Giancarlo Torresani, ha il patrocinio di Città di Treviso, Provincia di Treviso e Regione Veneto. Le immagini potranno essere ammirate dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 19 di ogni giorno fino all’1 gennaio

“Un Salento che non c’è più”

E’ quasi tutto pronto. Giorno 21 – dice il fotografo aletino – avrò modo di mostrare anche ai trevigiani il mio Salento, quello dei miei ricordi lontani, quello che mi è rimasto nel cuore, quello che i turisti non hanno visto e che non potranno mai vedere perché, ahimé, non c’è più”.

Michele Piccinno si è avvicinato alla sua grande passione – la fotografia – da autodidatta. Ha cominciato a scattare in serie dal 2013 partecipando a mostre collettive e concorsi nazionali ed internazionali, conquistando anche il primo posto al concorso Rai indetto dalla trasmissione “Flash” e “Il Fotoamatore”, rivista ufficiale della Fiaf (Federazione italiana associazioni fotografiche) gli dedica un’intera pagina. “Guardami” è stata esposta due anni fa al Must, Museo storico Città di Lecce.

Una piccola umanità e il tempo

Un paese – il suo – pieno di umanità, sospeso nel tempo: questo il soggetto della mostra personale promossa dall’associazione Interferenze e tenutasi infine l’anno scorso durante i festeggiamenti della Madonna della Lizza ad Alezio denominata “Loro di Alezio”, che ha registrato un ottimo numero di visitatori ed apprezzamenti per il  significato culturale e il valore artistico espressi.