Piano delle coste, il Comune ci riprova. Dal 2021 meno concessioni

1091

Porto Torre San GiovanniUgento – Ricomincia l’iter per l’approvazione del Piano comunale delle coste, che regolamenterà i 13 chilometri di costa ugentina con importanti novità per ciò che riguarda le concessioni, soprattutto a partire dal 2021. Nei giorni scorsi la documentazione relativa al Piano è stata pubblicata sul sito del Comune. Fino al 20 settembre i portatori di interesse potranno presentare osservazioni. Nei successivi 30 giorni, poi, gli uffici comunali valuteranno le istanze ricevute e invieranno il piano al Consiglio comunale, che lo approverà, lo invierà in Regione e lo riavrà nuovamente per l’approvazione definitiva. Il Sindaco Massimo Lecci conta di poter concludere tutto il procedimento entro la fine dell’anno.

Va ricordato che sul finire del 2015 la Giunta comunale aveva già approvato il piano (redatto dall’ingegnere architetto Claudia Piscitelli con la supervisione scientifica del professore Francesco Selicato) e lo aveva sottoposto alle osservazioni. Sulla base dei pareri degli organismi superiori, poi, si è reso necessario revocare il documento di programmazione, modificarlo e riaprire tutto l’iter per l’approvazione. «Si è ritenuto opportuno – spiega Lecci – annullare il primo piano e approvarne uno nuovo per consentire a tutti di avere a disposizione la documentazione e nuovi studi scientifici utili a presentare le osservazioni».

Le novità rispetto alla situazione attuale potrebbero essere molte. Alcune le illustra l’assessore comunale all’Urbanistica, Daniela Specolizzi. «A differenza del primo – dice – il nuovo documento regolamenta anche la costa rocciosa di Torre San Giovanni, individuando tre aree da destinare a concessioni per spiagge libere con servizi. Sul litorale sabbioso, invece, è previsto il rilascio di altre cinque concessioni, sempre per spiagge libere con servizi. Il lavoro per redigere il piano è stato notevole e siamo contenti di essere giunti a questo punto. Ci impegneremo per l’approvazione definitiva entro la fine dell’anno».

Ulteriori novità ci saranno dal primo gennaio 2021, data in cui tutte le 40 concessioni esistenti arriveranno a scadenza. Da quel momento saranno disponibili per le concessioni 37 lotti, sei dei quali ricadenti in area rocciosa. Dal Piano è esclusa l’area portuale di Torre San Giovanni, che sarà regolamentata dall’apposito Piano regolatore del porto.

Nel piano si tiene conto anche del fenomeno dell’erosione costiera: le coste, spiega ancora l’assessore, saranno sottoposte a interventi di ripascimento

Salva