Pescatori dispersi, fiaccolata sulla spiaggia questa sera. Domani la commemorazione di Fabrizio e Damiano a Pescoluse

2444

Fabrizio Piro

Pescoluse (Salve) – Li hanno ricordati accendendo con lumini i loro nomi sulla spiaggia, la stessa che li aveva visti naufragare quella sera del 5 febbraio di un anno fa. L’intima commemorazione del capobarca Fabrizio Piro e dell’operaio Damiano Tricarico si è svolta questa sera, alla presenza del cognato Mirko Casarano e di due familiari: il fratello Emanuele di Fabrizio e la nipote Corin.

In un’atmosfera rotta solo dalla risacca ed alla tenue luce delle fiammelle ognuno ha rivissuto il dramma dell’Autora, la barca che si era capovolta vicino ad una secca per poi tornare da sola, a riva proprio a Pescoluse.

I corpi mai ritrovati

Damiano Tricarico

Dei due pescatori, nonostante le ricerche durate quasi quattro mesi, non si è trovato niente; solo qualche attrezzo dell’imbarcazione è giunto a riva portato dalle onde. Non valse a molto insomma la campagna di solidarietà animata da Casarano, cui parteciparono in tanti, dalla quadra di calcio del Gallo alla Pasquetta con incasso destinato a pagare l’Andromeda, una barca specializzata in questo tipo di ricerche in mare.

Domani, mercoledì 5 alle ore 11 sarà celebrata una messa nella chiesetta di Pescoluse.