Pescatori dispersi, arriva la “Galatea” della Marina militare. Ritrovati alcuni attrezzi dell'”Aurora”

10120

Gallipoli – “Speriamo che questa santa domenica delle Palme, ci possa restituire i nostri cari”: con questo auspicio anche domenica scorsa c’è stato il tempo di svolgere altre perlustrazioni marine nel mare di Pescoluse di Salve, dove nell’ormai lontano 5 febbraio corso hanno perso la vita Fabrizio Piro e Damiano Tricarico mentre erano intenti a pescare con la motobarca “Aurora”.

A voler dare una mano sono stati alcuni sommozzatori del club di Santa Caterina di Nardò, accompagnati dal cognato di Piro, Mirco Casarano. Poche ore prima erano stati ritrovati alcuni attrezzi da pesca e le reti appartenuti ai pescatori dispersi. Sono state riconosciute da alcuni particolari riguardanti i sugheri tracciati ed i nodi dei due “consi” adoperati quella notte.

Anche la speranza può prendersi, a volte, un po’ di riposo, ma poi ritorna sempre a bussare alla porta della vita”, il commento degli amici su facebook.

Pubblicità

Infine è di questa sera la notizia che gli appelli ripetuti alla Marina militare per l’invio della nave Galatea per ulteriori ricerche hanno avuto successo: si tratta di una nave specializzati in rilievi dei fondali marini che starebbe raggiungendo lo Jonio del Sud Salento  in queste ore. Riprendono così quota di nuovo le speranze mai sopite di portare sulla terra i due sfortunati pescatori.

Pubblicità