Pericolose “challange” ispirate dai social davanti alla scuola: Galatone si interroga

666
Il Comune di Galatone

Galatone – Ha fatto “rumore”, com’era inevitabile che fosse, la lettera aperta con la quale nei giorni scorsi la dirigente scolastica del Polo 1 di Galatone segnalava le pericolose “challange” (ispirate da social quali TikTok) che vedono come protagonisti anche i giovani della città.

Stamattina, per scongiurare spiacevoli epiloghi, l’Amministrazione ha promosso un incontro tra tutte le istituzioni e le agenzie educative presenti sul territorio “per discutere sulle recenti circostanze che hanno interessato la nostra comunità, con riferimento ai comportamenti di alcuni ragazzi minorenni” come fa sapere il sindaco Flavio Filoni.

Gli interventi

All’iniziativa hanno preso parte non solo i tre dirigenti scolastici della città (Adele Polo per il Polo 1, Antonio Caputi per il Polo 2 e Angela Venneri per l’istituto “Medi”), ma anche le compagini militari: Beatrice Casamassa, capitano della Compagnia dei Carabinieri di Gallipoli, il maggiore Paolo Mazzeo (comandante della Stazione di Galatone) e il maggiore Federico Troisi (comandante della Polizia locale), oltre ai quattro parroci della città, all’Amministrazione comunale e all’assistente sociale Angela Papa.

«Nonostante si tratti di episodi sporadici – fa sapere Filoni – abbiamo ritenuto fosse necessario accendere un faro sulla vicenda e prestare la massima attenzione possibile, soprattutto alla luce dei tragici fatti riportati nelle ultime settimane dalla cronaca nazionale». Prossimo passo, il coinvolgimento delle famiglie: «Nelle prossime ore verrà recapitata a tutti i genitori degli alunni frequentanti gli istituti scolatici di Galatone, una lettera condivisa tra i partecipanti all’incontro odierno per stimolare la riflessione in famiglia».

Il bullismo in Rete

Sul tema del “bullismo in rete”, intanto, lunedì 22 febbraio, dalle ore 10 alle 12, L’Unione per la difesa dei consumatori organizza l’incontro in Webinar “Bullyface: il volto del bullismo”.L’Udicon provinciale di Lecce invita a partecipare tutti i dirigenti degli Istituti delle scuole medie della provincia “con lo scopo di offrire agli studenti spunti di riflessione e di confronto grazie al contributo di esperti del settore, istituzioni e autorità politiche”.

La sede provinciale dell’Udicon ha svolto un’indagine di tendenza sul Bullismo nel Salento tra gli studenti dagli 11 ai 17 anni, dove è emerso che il 30% degli adolescenti si dichiara vittima di episodi di bullismo, il 75% di aver assistito a episodi del genere e il 65% di essere intervenuto in difesa delle vittime di diversi atti di bullismo. Così come è emerso che l’uso di smartphone tra gli studenti, talvolta contribuisce ad aumentare notevolmente il rischio di Cyberbullismo.