Pensione raggiunta per il vice questore Giovanni Bono, fu lui ad avviare il Commissariato di Taurisano

634
Giovanni Bono

Taurisano – Pensione raggiunta per il vice questore Giovanni Bono, da 11 anni al Commissariato di Galatina proveniente da quello di Taurisano, che aveva avviato e diretto.

Nella direzione dei due Commissariati numerose sono state le indagini condotte, con l’arresto di numerosi  pregiudicati,  molti dei quali per 416 bis (associazione di tipo mafioso) e per omicidio. Si ricordano “Santa clause”, “Viribus uniti” e “Speed drug”, quest’ultima specificatamente nei territori di Cutrofiano, Sogliano e Galatina.

Curriculum e formazione

Dopo la laurea in Giurisprudenza a Siena e l’abilitazione alla professione forense, Bono è entrato in Polizia nel 1989 frequentando il 74° Corso di formazione per vice commissari presso l’Istituto superiore di Polizia a seguito del quale venne inviato al Reparto mobile di Reggio Calabria.

Negli anni 90/91 partecipa a numerosi servizi di rimpatrio in Albania dei profughi sbarcati nel porto di Bari.  Frequenta in Sardegna, presso la scuola di Polizia di Abbasanta, il corso di formazione e addestramento di Squadriglia antisequestro eliportata. Venne poi inviato a dirigere il Nucleo prevenzione crimine di Potenza. Ha pure svolto importanti servizi di ordine pubblico nella “terra dei fuochi” tra Napoli e Tersigno, per il problema delle discariche. In missione ha diretto diversi servizi di Polizia a Catania presso il campo profughi di Mineo. Nell’anno 2018 è stato insignito con l’onorificenza di Cavaliere della Repubblica dal Capo dello Stato Mattarella.