Over 80 e Covid: 170mila prenotazioni, 15mila vaccinazioni. Fine delle operazioni per questa fascia di età: 31 marzo

326

Gallipoli – I cittadini pugliesi over 80 che si sono prenotati sono 170mila; saranno tutti vaccinati contro il Covid entro marzo: ne dà notizia la Regione Puglia, che rileva come nei primi tre giorni sono stati 15mila i pugliesi ultra 80enni ad aver ricevuto la prima dose di vaccino. L’assessore alla Sanità Pier Luigi Lopalco precisa come “le forniture dei vaccini  siano a carico del Governo centrale e che eventuali sensibili variazioni al ribasso delle consegne potranno far variare il cronoprogramma”.

Sono 170mila cittadini over 80 prenotati attraverso le varie piattaforme Cup, Farmacup e sito web e ogni giorno in circa 150 ambulatori e centri vaccinali di tutta la Puglia (numero che si amplia ogni giorno a seconda delle disponibilità sul territorio) proseguono le somministrazioni. C’è però un altro problema: entro marzo in Puglia è previsto l’arrivo in varie tranche di sole 400mila dosi dei tre vaccini anti Covid: “Un numero esiguo – afferma Lopalco – che potrebbe anche calare a discrezione delle aziende fornitrici, che deve far riflettere sulla necessità a livello globale di aumentare i sieri a disposizione. Il nodo è tutto lì: i vaccini sono pochi e la richiesta è elevata”.

“Uno sforzo senza precedenti”

Si tratta del resto di uno sforzo mai messo in campo prima d’ora, per la difficile conservazione, manipolazione e preparazione dei vaccini a disposizione per quella fascia di età (“ogni paragone con le vaccinazioni per le epidemie degli anni ‘70 è improprio”) che la Regione Puglia “al pari delle altre Regioni, sta affrontando anche grazie al lavoro dei medici e degli operatori sanitari e alla pazienza degli anziani e dei loro parenti che ogni giorno sono in attesa del vaccino”.

(l’assessore regionale Lopalco durante la somministrazione del vaccino)