Note che riscaldano e fanno del bene: è festa con Fidas e Comitato San Rocco

1273

ALEZIO. Saranno, come da tradizione, il grande fuoco e le note a scandire il tempo che conduce al Natale aletino. La melodia è quella della pastorale gallipolina, che nelle primissime ore del mattino raggiunge tutte le strade del paese. Poi c’è la tradizionale “focareddha” in onore dell’Immacolata, organizzata l’8 dicembre in via Parabita dal Comitato di San Rocco e delle vecchie tradizioni. Durante la serata ancora note con la pizzica de “Lu rusciu nosciu”. L’evento sarà preceduto alle 18 dalla fiaccolata organizzata dalla Fidas Alezio, con partenza da piazza Vittorio Emanuele II accompagnata dalla musica delle zampogne. L’associazione di donatori di sangue, giunta quest’anno al suo 41° anno di attività, celebra proprio in questi giorni “La festa del donatore”: dopo la giornata dell’8 dicembre, aperta con le donazioni alle 8,15 e alle 11,30 nell’autoemoteca che sosterà nei pressi della sede, domenica 10 alle ore 10 santa messa presso la parrocchia dell’Addolorata, e alle 13 pranzo del donatore presso Masseria Appidè, durante il quale saranno premiati i soci che hanno effettuato sette, quindici, trenta, cinquanta donazioni. Spazio inoltre a cabaret e divertimento con la tradizionale tombola e lo spettacolo de “Il Grande Lebuski”.

Pubblicità