Nardò, nell’emergenza Coronavirus 2mila consegne a domicilio assicurate dagli scout

658
Scout gruppo Cngei Nardò

Nardò – Duemila consegne di generi di prima necessità, fra cibo e farmaci, in due mesi e mezzo di emergenza sanitaria: sono i numeri della solidarietà che ha visto in prima linea gli scout del gruppo neretino Cngei (Corpo nazionale giovani esploratori ed esploratrici italiano), corsi in aiuto delle fasce più deboli.

Il servizio gratuito di consegna a domicilio, attivo dall’11 marzo e realizzato in accordo con il Comune, è stato offerto dal gruppo scout a cittadini over 65 e in genere a tutti coloro che per motivi vari avevano difficoltà a muoversi da casa. Con il passare delle settimane, agli scout si sono aggiunti anche diversi volontari che hanno voluto dare il proprio contributo a questo servizio.

Nell’emergenza uno sforzo corale

Terminiamo il nostro servizio consapevoli di aver dato una mano alla città e grati ai neretini che hanno avuto tanta fiducia in noi – commenta il capogruppo scout Michele Muci.– È stata una missione a favore dei più vulnerabili, ma alla fine a beneficio di tutti, visto che abbiamo evitato che 2mila persone circolassero nelle settimane più delicate dell’emergenza. Spero che questo serva ad avvicinare qualcuno in più allo scoutismo laico: la nostra sede è a masseria Boncuri e siamo pronti ad accogliere tutti coloro che hanno tra 8 e 99 anni”.

Un grazie dal Sindaco Pippi Mellone: “Non posso che ringraziare gli scout e i volontari per quello che hanno fatto e per le responsabilità e i rischi che si sono presi. Sono stati un pezzo del grande cuore che la nostra città ha dimostrato in questo periodo”.

E l’assessore ai Servizi sociali Maria Grazia Sodero aggiunge: “Serviva spirito di servizio, generosità, impegno disinteressato e gli scout sono stati bravissimi. L’emergenza ci ha imposto uno sforzo corale e direi che l’iniziativa di Cngei è servita anche da stimolo per altre attività simili, completando il quadro degli sforzi che la città ha fatto a livello pubblico e privato”.