Nardò, dal 2 luglio parte l’esperimento: negozi aperti fino alle 22

3632

Nardò – D’estate a Nardò shopping fino alle 22. Da lunedì 2 luglio infatti e fino al 31 agosto cambiano gli orari di apertura di alcuni esercizi  e attività commerciali, che nella fascia pomeridiana hanno scelto di “allungare” di qualche ora per adeguarsi ai ritmi estivi e accogliere al meglio i clienti, turisti e locali. La decisione è stata presa dall’Unione commercianti Nardò, presieduta da Annamaria De Pascali (foto).

Viene così lanciato il progetto sperimentale delle saracinesche alzate nella fascia 18-22, condiviso dagli associati dell’Unione e apprezzato dall’assessore allo Sviluppo economico e al commercio. Giulia Puglia. «L’amministrazione comunale immagina una città “aperta per ferie” – dichiara la più giovane esponente della giunta Mellone che tra l’altro, prima dell’avventura politica, è stata la prima presidente dell’Unione Commercianti, sodalizio nato nel 2015 – e questa iniziativa va esattamente nella direzione che una città turistica come la nostra deve prendere. Dopo una giornata al mare, è normale dare la possibilità ai turisti, ma anche agli stessi neretini, di andare per negozi, fare shopping e soddisfare piccole esigenze quotidiane. Non sono gratificanti – conclude Puglia – scene di persone in giro per una città fantasma dopo le venti a cercare inutilmente negozi o bar aperti. Naturalmente mi auguro che l’iniziativa venga condivisa anche da chi non fa parte dell’Unione Commercianti».

Come detto, per la prima volta Nardò affronterà questo test lontano dalle marine. Anche a Lecce, da almeno un anno, è in piedi analogo dibattito. Nelle vicine Gallipoli e Porto Cesareo invece, complice l’estrema vicinanza al mare, d’estate l’apertura dei negozi fino a tardi è una ben rodata consuetudine.

Pubblicità
Pubblicità