Metropolitana del Salento, l’assessore regionale risponde: “I 50 milioni mancanti sono anche una nostra battaglia”

618
La stazione di Gagliano del Capo

Gagliano del Capo – “Si tratta di un intervento che è alla nostra attenzione, non è solo la vostra battaglia, ma sarà la nostra battaglia. L’Assessorato è al lavoro per risolvere anche questa questione, che mi sta cuore anche e con l’aiuto del Presidente Emiliano, riusciremo a sensibilizzare il Governo nazionale”: è giunta a stretto giro di posta la risposta circa la realizzazione della Metropolitana di superficie delle Ferrovie Sud Est  nel Salento.

L’assessore ai Trasporti Anna Maurodinoia ha risposto così ai gruppi consiliari salentini del centrodestra pugliese che nei giorni scorsi hanno manifestato tra Lecce e Gagliano del Capo sulla mancanza del finanziamento che completerebbe l’opera, pari a 50 milioni.

“Un fabbisogno da trovare”

La neo assessora ai Trasporti ha risposto al consigliere portavoce delle opposizioni in Consiglio regionale Paolo Pagliaro. Quello evidenziato è “un altro di quei problemi che sono una ferita profonda del nostro e del mio Salento, la grande incompiuta tra le opere pubbliche, attesa da 25 anni”, ha affermato l’esponente de La Puglia domani.

Per la Maurodinoia “vi è la necessità di reperire il nuovo fabbisogno finanziario, pari a 50 milioni di euro”. Ha poi aggiunto che ai consiglieri promotori dell’iniziativa di sensibilizzazione “è stata già inviata risposta scritta con l’obiettivo di spiegare dettagliatamente come il costo totale del progetto di elettrificazione della linea ferroviaria Martina Franca-Lecce-Otranto, passato per effetto del trasferimento della proprietà di Ferrovie Sud Est al gruppo Ferrovie dello Stato, nonché per effetto della nuova normativa, è un problema che viene da lontano”.

La protesta a Gagliano

Alla protesta dell’8 gennaio hanno partecipato il leader del Movimento Regione Salento, Paolo Pagliaro, consigliere regionale e Capogruppo de La Puglia Domani ed i consiglieri regionali Antonio Gabellone (Tuglie) di Fratelli d’Italia, Paride Mazzotta di Forza Italia, Gianni De Blasi (Maglie) della Lega, dirigenti e militanti politici.