Matino ricorda Totò, il cane che l’intero paese aveva adottato sin dal 2004

1705

Matino – Mancherà a tutto il paese Totò, il cane di Matino che ha salutato la sua città nella notte tra venerdì e sabato scorsi. Con discrezione, si è accucciato sotto un’auto nei pressi del Greenwood e ha chiuso gli occhi. La sua età non era certa, ma si sa che la prima volta che è apparso a Matino era il 2004. Arrivò all’improvviso e si fece notare sin da subito per la sua onnipresenza a feste civili, funerali e processioni.

Impossibile non notarlo e impossibile non amarlo. Matino lo aveva adottato, grato del ruolo sociale che quel cagnolino dal colore beige aveva assunto. Da 8 anni viveva nel parco bosco di via Machiavelli, lì era accudito dai gestori del locale e da tutta la comunità. Era conosciuto, quasi famoso, tanto da avere pure una pagina Facebook tutta sua. A dare la notizia della scomparsa sono stati Cosimo Greco e lo staff del Greenwood tramite un post su Facebook che ha registrato centinaia di messaggi di saluto e di affetto. Ora il paese vuole ricordare il suo cucciolo Totò con una statua, un simbolo che faccia per sempre pensare a lui.

Pubblicità