Luigi Carrozza, da Matino nella “Hall of fame” del baseball italiano

515
Luigi Carrozza premiato

Matino – Un salentino nella Hall of Fame del baseball italiano: si tratta del matinese Luigi Carrozza, tra i giocatori italiani più forti e rappresentativi di tutti i tempi.

L’ambito riconoscimento è stato conferito all’atleta salentino dal vicepresidente federale, Gigi Mignola, nel corso della Convention nazionale svoltasi a Rimini, il 24 e il 25 gennaio scorsi.

La carriera e i successi

Carrozza si accosta alla pratica del baseball nella squadra della sua città, Matino, all’età di 13 anni, sotto la sapiente e paterna guida di Raffaele Zappia (di Alezio). Nel 1989 lascia il Matino alla volta di alcune tra le più importanti squadre italiane, tra le quali il Parma, dove si ferma per dieci anni, e il Rimini, dove chiude la sua carriere nel 2009, dopo quattro stagioni.

Ma a rendere “fuori dal comune” la sua carriera sono i cinque scudetti vinti, le quattro Coppe dei Campioni conquistate, le 933 partite disputate in serie A, le 1054 valide battute e i 97 fuoricampo realizzati. Per non parlare della sua lunga esperienza in Nazionale, con la quale si è aggiudicato i prestigiosi titoli di miglior ricevitore ai Mondiali in Nicaragua del 1994 e di miglior battitore alle Olimpiadi di Atlanta del 1996.

Il baseball, però, non fa parte solo del passato di Carrozza, che fa parte dello staff tecnico del Matino, dando un importante contributo alla società presieduta da Fabio Corsano.