Leuca rende omaggio a Camilleri con l’opera di Vanessa De Nuccio. Il ritratto del creatore di Montalbano fa bella mostra sotto la torre dell’Omomorto

1845

Santa Maria di Leuca (Castrignano del Capo) –  Leuca rende omaggio ad Andrea Camilleri con una sua gigantografia collocata ieri, nel primo anniversario della sua scomparsa, ai piedi della torre dell’Omomorto. “L’affidarsi alla memoria è la volontà dell’uomo di non scomparire” è la frase posta accanto al disegno dell’autore di Montalbano.

L’opera è stata realizzata a matita da Vanessa De Nuccio, artista originaria di Salignano. «Ad un anno dalla morte dello scrittore ho scelto di ricordare uno dei personaggi che hanno dato lustro all’Italia. Sono in programma altre opere –  spiega l’artista – che verranno esposte, sempre nello stesso luogo, in corrispondenza degli anniversari o “mesiversari” della morte di uomini e donne che hanno contribuito a far grande il nostro Paese. I disegni, donati alla collettività, non verranno rimossi ma consumati dal tempo e dagli agenti atmosferici, questo perché è quello che accade nella realtà. La vita è dissolvenza».

I topi che inseguono i gatti

Durante l’esposizione del disegno dedicato a Camilleri, erano presenti il vicesindaco Giuseppina Maruccia, l’assessore Mina De Maria e il consigliere Roberto Calabrese, che spiega: «Abbiamo accolto con gioia questa iniziativa,sarà una mostra a cielo aperto dedicata alle grandi personalità che ci hanno lasciato».

Vanessa De Nuccio è nota anche per aver disegnato dei gatti e dei topi in prossimità di abitazioni disabitate. «Nelle mie scene è il topo che dà la caccia al gatto, perché non sempre le cose vanno nel modo in cui ci aspettiamo. Ho scelto quei posti perché a volte non ci si ferma a pensare alla bellezza delle cose che ci circondano. Non si tratta di vecchie abitazioni abbandonate, ma pezzi di un passato che impreziosisce questa terra».  In passato ha realizzato il libro fotografico “Le Bugie del tempo” raccogliendo immagini di quelle che chiama “croste salentine”, cioè i segni del tempo su portoni e muri scrostati.