Il Rivellino col Riccio di Muscetra

Gallipoli – Il Rivellino domani farà un altro passo per avvicinarsi al Comune. Gli amministratori comunali incontreranno oggi il privato concessionario del bene demaniale per farsi consegnare le chiavi del monumento, tra i più fotografati della città.

Era il 9 febbraio dell’anno scorso quando la Giunta comunale guidata dal Sindaco Stefano Minerva decideva di revocare la concessione agli imprenditori privati che la detengono, acquisire l’ultimo pezzo del Castello all’uso pubblico, utilizzare tutte le possibili fonti di finanziamento per i recupero e il restauro del bene.

Per mettere però le mani anche sui 790 metri quadrati del Rivellino, dopo aver ottenuto il Castello nel marzo 2016, il Comune una volta acquisite le chiavi con annesso immobile storico dovrà avviare le procedure con l’Agenzia del demanio.

Pubblicità

Il Rivellino, insieme ad altri beni storici, fa parte di un progetto per la creazione di un percorso storico-culturale che dal centro storico si dipana fino a Torre Sabea, come dichiarato un paio di anni fa dall’Amministrazione comunale.

Quali che siano gli intendimenti odierni, intorno al Rivellino è cresciuta una lunga storia fatta di progetti per farne un contenitore culturale anche d’inverno (con annessa copertura amovibile) nel 2003 da parte del concessionario, gli imprenditori Petrucelli di Gallipoli; poi di autorizzazioni paesaggistiche e permessi di costruire in parte negati; di vertenze giudiziaria a catena.

Le ultime sentenze sembrano aver sbrogliato la matassa. Così sperano almeno gli amministratori gallipolini, i quali da domani potranno cominciare a decidere il futuro del Rivellino.

 

Pubblicità

Commenta la notizia!