Laurea online nei giorni del Coronavirus: da Gallipoli e Alezio, Valeria e Valfredo dottori da 110 e lode via webcam

7361
Valeria Amico e Valfredo De Matteis

Gallipoli-Alezio – Gli studenti che si ritrovano a laurearsi in questo periodo vivono un’esperienza sicuramente particolare, una laurea diversa da come l’avevano sempre immaginata. Ai tempi del Coronavirus, infatti, ci si laurea in casa, discutendo la tesi direttamente davanti al computer.

È successo anche a Valeria Amico, 25 anni originaria di Alezio, e a Valfredo De Matteis, 25enne di Gallipoli ma residente a Brescia. Entrambi nei giorni scorsi si sono laureati con 110 e lode, ma più che il voto è probabile ricorderanno per sempre il modo in cui hanno conseguito la laurea.

Valeria, da Pavia filo diretto via Skype

Lo scorso 26 marzo Valeria ha discusso la tesi via Skype nel suo appartamento a Pavia, che condivide con il fidanzato. Dopo la laurea triennale conseguita a Lecce, la ragazza si è trasferita a Pavia per continuare la specializzazione in Biologia sperimentale applicata.

Una gioia a metà – afferma Valeria raccontando della sua laurea via pc. – Il mio rammarico più grande è stato non aver potuto condividere questo felice momento con i miei genitori, vedere il loro orgoglio negli occhi: per via dei problemi legati agli spostamenti di questo periodo, ho infatti preferito restare qui”.

Mi è mancato anche non aver potuto avere una vera tesi di laurea in mano, ma solo un pdf – aggiunge. – Per fortuna, durante la discussione, il mio ragazzo ha fatto una diretta su Instagram, in modo da far assistere amici e genitori alla mia laurea, almeno a distanza”.

Valfredo: “Per festeggiare con gli amici c’è tempo”

Mai come in questo periodo Internet diventa quindi l’alleato indispensabile per riunire le persone. A conseguire la laurea davanti a un pc c’è anche Valfredo De Matteis, 25 anni, iscritto alla facoltà di Scienze filosofiche a Verona, che lo scorso 31 marzo ha discusso la tesi nella sua casa di Brescia, dove vive con i genitori.

Sinceramente sono felice di come sono andate le cose – afferma il ragazzo. – Per la discussione della tesi abbiamo usato un programma molto semplice, Zoom, e devo dire che i professori l’hanno gestito benissimo, considerando il poco tempo avuto a disposizione per preparare il tutto. Ero preoccupato, lo ammetto. Mi aspettavo una situazione più difficile, più complicata, e invece vorrei rassicurare tutti i laureandi che devono sostenere la laurea prossimamente tramite pc: state tranquilli, è più semplice del previsto”.

Aver avuto i miei genitori accanto in questo momento così importante per me mi ha fatto davvero piacere. Per festeggiare con gli amici c’è tempo”.