“L’Agenzia delle Entrate chiude anche la sede di Casarano”: l’allarme della politica e di Confindustria

16826

Casarano – L’Agenza delle Entrate dispone la chiusura della sede di Casarano: un provvedimento nell’aria da tempo (già paventato lo scorso febbraio) che ora trova conferma nell’allarme lanciato dal senatore salentino Dario Stefàno, presidente della commissione Politiche UE, che in una nota chiede al direttore dell’Agenzia delle Entrate Ernesto Maria Ruffini di rivedere la determinazione, “per il bene del territorio”.

«La chiusura della sede di Casarano priva ulteriormente il Salento di un servizio essenziale, si riconsideri la decisione», spiega il senatore originario di Scorrano. Una determinazione, quella della chiusura dell’Ufficio territoriale di Casarano con dislocamento a Lecce, che il Stefàno definisce “preoccupante” e mossa da sole esigenze di risparmio, “che non considerano la necessità di garantire ad un’area vasta servizi essenziali”.

Chiuse già le sedi di Gallipoli e Maglie

Dario Stefàno
«Sempre per effetto della spending review la provincia di Lecce ha già pagato un prezzo alto, con la chiusura di diverse sedi come quelle di Gallipoli e Maglie – spiega Stefàno- con il conseguente impoverimento di servizi essenziali in un territorio che comprende 100 comuni e interessa oltre 800.000 cittadini. L’ufficio di Casarano, ad esempio, serve oltre 31 comuni».
In ballo ci sono servizi “essenziali” per i cittadini, per questo occorre “saper resistere al riordino funzionale mosso da esigenze di risparmio, rispetto alle quali sarà mia premura interrogare anche il ministro di competenza”, conclude Stefàno. Lo scorso febbraio fu il direttore regionale dell’Agenzia delle entrate, Salvatore De Gennaro, a smentire categoricamente ogni ipotesi di chiusura della sede di Casarano.

L’allarme di Confindustria

Giancarlo Negro

L’allarme viene lanciato anche dal presidente di Confindustria Lecce Giancarlo Negro, il quale esprime “preoccupazione” sulle possibili ripercussioni di tale decisione su imprese e professionisti. «La chiusura dell’Agenzia delle entrate di Casarano, infatti, comporterebbe la necessità per imprenditori e professionisti del basso Salento di spostarsi verso il capoluogo per il disbrigo delle pratiche, contribuendo così a congestionare il traffico e con un conseguente enorme dispendio di tempo. Confindustria Lecce – conclude Negro – sosterrà ogni proposta volta a far restare aperto l’ufficio di Casarano e auspica che all’appello si uniscano anche altre associazioni di categoria, ordini professionali e i sindaci di tutto il basso Salento».