La scrittura “terapeutica” per affrontare l’emergenza: “Raccontami – Così lontani così vicini” con l’associazione “La pecora nera”

363

Santa Maria al Bagno (Nardò) – Scrivere per auto-aiuto in questo momento, difficile per tutti, o per incoraggiare a non buttarsi giù: qualunque sia il motivo, la scrittura si rivela sempre un ottimo modo per trascorrere il tempo, specialmente ora che si è costretti alla quarantena forzata.

Anche per questo l’associazione “La pecora Nera” lancia l’iniziativa “Raccontami – Così lontani così vicini” dedicata a tutti coloro che “hanno voglia di mettere nero su bianco i propri pensieri, le proprie emozioni, le proprie storie in merito a questo periodo particolarissimo che accomuna tutta la terra”, comunicano dall’associazione formata da Valentina Sarno, presidente (di Santa Maria al Bagno), Ivana Varrazza, vicepresidente e ideatrice dell’iniziativa; Paula Castaneda, tesoriere e Sebastian Galeano consigliere.

L’iniziativa

«A tutti coloro che volessero aprire il loro diario, il proprio quaderno speciale e aderire alla iniziativa, chiediamo di scrivere un racconto (massimo 5mila battute) esprimendo i propri pensieri, il proprio stato d’animo, le proprie esperienze e quelle altrui – continuano i soci – fatti ed episodi di cui sono stati protagonisti o spettatori. Lo scopo è quello di portare ognuno di noi ad un vero, concreto e sincero ascolto di sé, ad un dialogo interiore ormai perso forse, a causa della frenesia e del senso di gara a cui la quotidianità ci ha abituato, e che ci ha portato, nostro malgrado, ad allontanarci sempre di più da noi stessi‘.

Ritrovarsi nella scrittura, ecco ciò che sperano quelli de “La pecora nera”, e riuscire a tirar fuori ciò che ognuno ha dentro. Si può scrivere entro il 30 maggio 2020, tutti quelli pervenuti saranno poi racchiusi in una raccolta e pubblicati. Ogni racconto, completo di nome, cognome e consenso firmato per la pubblicazione, deve essere spedito alla mail: raccontacidinoi@gmail.com.