La rete veloce. Dove manca l’adsl potrà arrivare la banda ultra larga

1986
Zona industriale Casarano
Zona industriale Casarano

CASARANO. Nonostante sia una delle aree industriali più ampie dell’intera provincia, risulta priva di copertura Adsl. È questo uno dei tanti paradossi della zona industriale di Casarano. Le aziende che vi operano, infatti, sono costrette a trovare soluzioni in proprio allo scopo di poter usufruire degli imprescindibili servizi che la linea veloce offre, visto che le compagnie telefoniche ritengono troppo oneroso il cablaggio dell’area. La soluzione, però, sta per arrivare grazie ad un bando regionale che porterà la banda “ultra larga” in 45 aree produttive di 40 comuni, tra i quali anche Casarano e Gallipoli.

Regione, ministero dello Sviluppo economico e Infratel, società che si occuperà delle procedure di accesso ai fondi da parte degli operatori economici, hanno messo sul tavolo 62 milioni di euro. I lavori dovrebbero concludersi entro la fine del giugno 2016. In tal modo si cercherà di rendere maggiormente appetibile l’area con l’obiettivo di attrarre investimenti ed insediamenti produttivi che possano rilanciare l’attività e l’economia casaranesi. Del resto, come ha sottolineato lo stesso presidente della Regione Nichi Vendola, nel corso della conferenza stampa di presentazione del progetto, “la banda ultra larga è l’equivalente di ciò che è stata la ferrovia cento anni fa. Banda larga e banda ultra larga hanno a che fare con l’esercizio pieno dei diritti di cittadinanza fondamentali”.

«Le imprese innovative – ha, poi, aggiunto l’assessore Loredana Capone – non possono raggiungere gli ambiziosi risultati che si prefiggono se non hanno un accesso competitivo alle reti di trasmissione dati ad altissima velocità».
Tutto ciò, sino ad oggi, è stato precluso alle aziende della zona industriale di Casarano. A breve, però, le cose cambieranno grazie all’arrivo delle fibre ottiche in grado di supportare la connettività sino a 100 megabit per secondo.