Investì un 15enne un vespa: un anno e otto mesi la pena patteggiata per un 28enne di Casarano

520
Lecce, aula tribunale

Casarano – È di un anno e otto mesi di reclusione la pena patteggiata dal 28enne di Casarano accusato di omicidio stradale per aver provocato la morte del 15enne Alessandro Crespino. L’incidente risale al 21 settembre del 2019 quando il 28enne A.G., alla guida della sua Fiat Punto, travolse la Vespa Pk 50 condotta dal 15enne, con in sella un amico coetaneo, rimasto poi gravemente ferito ma ristabilitosi dopo alcune operazioni chirurgiche.

Non ci fu nulla da fare, invece, per il 15enne liceale, il quale non riuscì a riprendersi dopo alcuni giorni di ricovero in terapia intensiva al “Fazzi” di Lecce. La sua prematura scomparsa sconvolse non solo Casarano, dove il liceale viveva con la famiglia, ma anche la comunità di Alliste, paese di cui era originario il padre.

In sede processuale è stato accertato come l’automobilista fosse alla guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti. Percorrendo via Magenta, provenendo da piazza San Domenico, il 28enne non diede la precedenza alla Vespa con i due ragazzi che percorreva corso XX Settembre, con una velocità che una perizia ha stabilito essere stata di 68 kh/h, quindi superiore al limite dei 50 km/h fissato per il centro abitato.