Il Samsara (che fu) miete premi: l’ultimo a Parigi. In classifica è primo davanti all’Old Fashion di Milano

6227

Gallipoli – Il Samsara di Gallipoli è stato eletto locale italiano dell’anno a Parigi  per lo storico “Trophée de la nuit 2019”, giunto alla sua 25esima edizione. Il lido gallipolino, ormai chiuso e sotto sigilli, si è  piazzato sul gradino più alto del podio, lasciando indietro un’icona della movidas italiana come l’Old Fashion di Milano, aggiudicandosi così il  trofeo europeo in una speciale sezione dedicata all’Italia.

La manifestazione parigina premia ogni anno le migliori attività francesi di intrattenimento diurno e notturno divise in 18 categorie quali alberghi, resort, spa, bar, discoteche e altro, con una categoria riservata alle eccellenze.

Il lido chiuso da due anni

La vittoria amara Una vittoria quella del famoso lido gallipolino che, insieme alla grande soddisfazione, porta anche una certa dose di rammarico considerato che Samsara è ormai da più di due anni chiuso per effetto del processo in atto.

David Cicchella

E’  quasi un paradosso che a trionfare sia stato un locale chiuso e inattivo – commenta David Cicchella, socio e fondatore del marchio – prevalendo su un locale come  l’Old fashion che è la capitale dei locali italiani. Per noi è un po’ una rivalsa e certamente motivo di grande orgoglio, considerato anche che siamo l’unico locale ad aver chiuso facendo ciò che altri nel Salento e  nel resto del paese, come noi stessi a Riccione,  continuano a fare”.

Un marchio affermato

Come si spiega allora il premio? “Si spiega col fatto che il Samsara ormai è un mito – risponde Cicchella – un’icona come raccontiamo nel video del nuovo tour e non un semplice locale”.

Per la prima volta nella storia della kermesse, quest’anno su segnalazione del Silb, sindacato italiano dei locali da ballo, è stata inserita anche una sezione “premio europeo” dedicata proprio all’Italia: a segnalare queste attività è stata la stessa associazione guidata da Maurizio Pasca (di Nardò).

In finale con Milano e Vicenza

La gara E’ stato lo stesso Pasca a ritirare il premio lunedì sera, in assenza di Cicchella assente per motivi personali. I vincitori sono stati rivelati in diretta per effetto del meccanismo di voto avvenuto interamente su piattaforma online. Dopo la segnalazione di circa una decina di attività è stato il pubblico a scegliere le tre nominations per la finale e nell’ultimo mese fino a poco prima della proclamazione da tutta la Francia e l’Italia e dal mondo intero i fan hanno potuto esprimere le proprie preferenze.

In finalissima con l’Old Fashion di Milano  e La Villa Bonin di Vicenza il Samsara ha trionfato.  Un soddisfazione che motiva ancor più i titolari del marchio che sperano di poter tornare a Gallipoli.  “Non ci siamo mai arresi. Non siamo fermi – conclude Cicchella – stiamo provando ogni via di uscita da questa situazione per tornare a Gallipoli. Le possibilità ci sono, occorrerà aspettare le decisioni dei giudici”.

“Un riconoscimento contro l’ingiustizia”

Dello stesso avviso anche Pasca : “Questo riconoscimento è un premio per David e Rocco Greco, per la grande ingiustizia subita”, il suo commento. (nella foto Maurizio Pasca mentre ritira il premio destinato al Samsara di Gallipoli)