Il nocino con ventiquattro frutti raccolti nel buio notturno

1957

Nocino  2Cè anche il nocino di S. Giovanni. Nella notte in cui può succedere di tutto, si devono raccogliere 24 noci, si tagliano a spicchi e si mettono in un vaso di vetro in 350 ml di alcol a 95 gradi, e si lasciano macerare per 24 ore. Poi si aggiungono nel vaso: 2 grammi di cannella, 4 chiodi di garofano, la buccia sottile di tre limoni. Si lascia macerare in un luogo fresco e buio fino al 3 agosto avendo cura di agitare almeno due volte al giorno. Trascorso questo periodo si sciolgono 500 grammi di zucchero  a bagnomaria  in 300 ml di acqua.

Si filtra ben bene l’alcol pressando con forza le noci e gli altri ingredienti e si aggiunge all’acqua. Successivamente si imbottiglia. Come per ogni ricetta che si rispetti, esistono delle varianti che hanno i loro estimatori. Le noci possono essere 29 (ma mentre per il 24 il riferimento a S. Giovanni è chiaro, per il 29 sfugge il nesso). Alcuni aggiungono nell’alcol anche un cucchiaio di polvere di caffè e lasciano macerare fino all’Immacolata, cioè l’8 dicembre. Questa variante è conosciuta col nome di “Padre Peppe” e si fa in quel di Altamura.

Pubblicità