Grotta delle Veneri di Parabita, la presentazione del libro sui misteri in Unisalento

725
Aldo D’Antico

Parabita – È dedicato allo studio della Grotta delle Veneri di Parabita il volume a cura di Elettra Ingravallo e Renata Grifoni Cremonesi, che verrà presentato venerdì 11 dicembre alle ore 15 in un incontro online (qui il link per partecipare).

Un libro, e una storia, di cui Piazzasalento ha già scritto nei giorni scorsi, ascoltando lo scopritore della Grotta Aldo D’Antico (qui l’articolo). A presentare il libro durante l’incontro online saranno i professori Fabio Martini dell’Università degli Studi di Firenze, e Alessandra Manfredini, già docente all’Università La Sapienza di Roma.

Gli interventi 

Dopo l’introduzione di Jacopo De Grossi Mazzorin, direttore del Musa (Museo storico-archeologico dell’Università del Salento), ci saranno i saluti del rettore di UniSalento Fabio Pollice; della soprintendente archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Brindisi, Lecce e Taranto Maria Piccarreta; del direttore del Dipartimento di Beni culturali Raffaele Casciaro; e di Gianluca Tagliamonte, direttore della scuola di specializzazione di UniSalento in Beni archeologici “Dinu Adamesteanu”.
L’ingresso della Grotta

Si entrerà poi nel vivo con le relazioni di Renata Grifoni Cremonesi, Paola Astuti, Lorenzo Possenti (“La sequenza stratigrafica e gli aspetti ideologici del Paleolitico Superiore”); Marco Serradimigni, Marzia Bonato (“L’industria litica dei livelli del Paleolitico medio e Superiore”); Giuseppe Egidio De Benedetto, Antonio Pennetta, Daniela Fico (“Composizione del bitume presente su una punta di selce”); Daniela Zampetti, Martina Basile, Cristina Lemorini, Leopoldo Repola (“Il gesto e la forma: il caso studio delle Veneri di Parabita”); Pier Francesco Fabbri, Giorgia Vincenti, Serena Viva (“La posizione degli inumati e la contemporaneità della deposizione nella sepoltura paleolitica”).

Prendono ancora la parola Jacopo De Grossi Mazzorin (“La parure in canini di cervo della sepoltura paleolitica”); Lucio Calcagnile, Gianluca Quarta, Marisa D’Elia (“Datazioni al radiocarbonio e analisi di provenienza delle ossidiane”); Giorgia Aprile, Ida Tiberi (“La ritualità tra Neolitico e età del Bronzo: vasi, pintadere, fuseruole come offerte alle divinità”); Marco Serradimigni, Marta Colombo (“Le produzioni litiche dei livelli neolitici”); Claudio Giardino, Giovanni Paternoster (“I metalli della Grotta delle Veneri e l’origine della metallurgia in Italia”).