Gallipoli, il Piano sociale di zona è pronto. Con una novità: una comunicazione diffusa della Carta dei servizi

1341
Silvia Coronese

Gallipoli – Mobilitati tutti i parroci e tutti i medici di base: il piano sociale di zona, con una dotazione milionari da spendere in servizi ai soggetti deboli e in difficoltà, cambia passo col pieno appoggio dell’Asl di Lecce. Su impulso dell’assessore del Comune capofila, la gallipolina Silvia Coronese, e della responsabile locale di Cittadinanzattiva – Tribunale dei diritti del malato, Agata Coppola, è stato inserito nel patto di partecipazione – sottoscritto, oltre che dai Comuni di Alezio, Alliste, Melissano, Sannicola, Taviano, Racale, Tuglie – l’impegno “ad assicurare attraverso strumenti moderni e innovativi quale il portale dedicato e i social network più utilizzati, la comunicazione e la diffusione nonché la partecipazione attiva di tutte le organizzazioni sociali”.

Quante persone sanno dei servizi a portata di mano? “Ci siamo resi conto – afferma Agata Coppola – che dei tanti servizi sociali di cui il Piano dispone, fuori, nei paesi, tra gli utenti, si conosce ben poco. E spesso si verificano casi di richieste di aiuto captate anche per caso, quando c’è un diritto che non è noto. Abbiamo quindi cominciato a pensare a cosa fare per arrivare ai diretti interessati, come rompere un muro che li separa dall’Ambito sociale di zona”. Si è pensato così ai parroci “che per la prima volta sono venuti tutti alle riunioni”; poi anche ai medici di base “che da noi svolgono ancora un ruolo di collegamento diretto con la gente”. “I nostri parroci – dice l’assessore Coronese, riferita a Gallipoli – possono essere preziosi soprattutto nei confronti degli anziani, direttamente o tramite il centro di ascolto della Caritas della parrocchia di Sant’Agata”. Dopo la serie di incontri per la programmazione partecipata, c’è ancora da fare un ultimo passaggio dal coordinamento istituzionale (il 28 prossimo a Gallipoli) per poi passare dai Consigli comunali degli otto Comuni.

Il dépliant informativo pronto entro ottobre. “Ma non è stato facile” Subito dopo il Piano sociale 2018-2020 diverrà operativo. La Carta dei servizi potrebbe essere pronta entro ottobre, secondo le previsioni. Restano due le linee di fondo del programma di interventi sociali nel triennio: i minori e gli anziani con gli annessi e connessi quali l’integrazione sociosanitaria, l’inclusione sociale e le famiglie, il welfare di accesso per immigrati, le disabilità e la violenza di genere. “Non è stato facile giungere alla migliore conclusione possibile nell’elaborazione del piano – conclude Coronese – anche perché le situazioni nei vari Comuni non sono omogenee: c’è un Comune, ad esempio, che ha solo l’assistente sociale dell’Ambito e preferisce i contributi ‘tradizionali’; un altro ha problemi di dissesto”. Ma la sintesi, con una interessante novità, alla fine si è trovata.