Gallipoli, iniziati i riti di Pasqua

3119

maxresdefaultGALLIPOLI. Come per il Natale,  anche per Pasqua a Gallipoli prevale la tradizione (se così si può dire) sul calendario liturgico: così, di fatto, già da oggi 9 marzo alle 18, con la “traslatio” del simulacro della Madonna Addolorata dall’omonimo oratorio confraternale alla cattedrale di S. Agata, hanno inizio i riti che precedono la Pasqua. Pur se breve, il tragitto (dalla chiesetta del Carmine alla cattedrale sono meno di 100 metri), intensa è la partecipazione dei fedeli e dei confratelli (priore Aldo Cavalera), come si conviene a Maria “Madre di Dio”. In cattedrale, dopo la messa officiata dal parroco mons. Piero De Santis (Copertino),  verrà presentato (sin qui inedito) l’oratorio sacro del XIX secolo del maestro gallipolino Alemanno, il cui spartito era gelosamente custodito nell’archivio dell’Arciconfraternita delle Anime: l’opera verrà eseguita dal giovane maestro gallipolino Enrico Tricarico. Da giovedì 10, invece, inizia il solenne settenario in onore dell’Addolorata, che culminerà poi con la processione di venerdì 18 marzo.