Gallipoli – Fuoco incrociato su Sindaco e assessori competenti in materia su circolazione e sosta nel centro storico alla vigilia della stagione più impegnativa della città vecchia. Fuoco incrociato nella giornata di oggi ma non concordato. In campo anche l’associazione dei residenti.

Oltre all’attacco portato avanti sul caso dei pass extra rilasciati nei primi 39 giorni di entrata in vigore della zona a traffico limitato, da parte dei consiglieri di opposizione Flavo Fasano e Giuseppe Cataldi, del gruppo Gallipoli Futura (se ne parla in altro articolo), quasi nelle stesse ore dall’associazione Abitanti e amici del centro storico, presieduta da Roberto Piro (notoriamente molto distante da Fasano, sono partire due lettere con cui si chiede un intervento urgente “dopo un mese del precedente incontro trascorso inutilmente”.

Piro ed i suoi insieme alla lettera al Sindaco ed agli assessori al Centro storico e Polizia urbana, ha consegnato in Comune in sintesi le proposte già avanzate, insieme ad una buona dose di insoddisfazione se non proprio di rabbia.

Pubblicità

Credevamo fossimo rimasti d’accordo sul diritto di priorità dei residenti nella regolamentazione della sosta nella zona ztl, con la sosta riservata solo a residenti e portatori di handicap”, si legge nella nota. “Invece nessuna risposta e intanto si registrano presenze di auto con permessi provvisori che provvisori non sono – rileva l’associazione degli abitanti – perché valgono per l’intera stagione estiva. Si registrano anche permessi rilasciati solo per l’accesso ai b&b che invece restano in bella mostra nelle auto parcheggiate senza alcuna sanzione”.

Roberto Piro

Gli scriventi palesano “il forte sospetto che ci sia qualcuno che utilizza questi espedienti per favorire accesso ad amici e parenti e non certo per gli ospiti dei b&b”. I residenti già adesso lamentano il fatto che non si trovano posti per parcheggiare né di giorno né di notte “anche perché qualche ristoratore ha pensato bene di ampliare il suolo pubblico concesso collocando fioriere, tavoli e sedie contravvenendo al regolamento comunale”.

L’ultimo attacco riguarda “gravissime situazioni di degrado e abusi tollerati da autorità competenti da alcune categorie prepotenti”. La mossa messa in campo si conclude con un nuovo appello ad un incontro operativo urgente. O sarà un’altra stagione caotica, come le precedenti, la paura dei residenti nel centro storico.

 

 

Pubblicità

Commenta la notizia!