Gallipoli, “divertimento e distanziamento” e le discoteche ripartono. Tra code e qualche perplessità

3008

Gallipoli – Il richiamo al rispetto delle regole, distanziamento in primis, è riecheggiato anche questo pomeriggio al Kabana, il locale adiacente alla Praja di Baia verde, che offriva aperitivi e musica fino al tramonto e che ha “chiuso” la trilogia apertasi venerdì 19 col party Big Mama e proseguito sabato 20 alla Praja di Pier Paolo Paradiso.

Anche oggi i dj hanno richiamato le regole mentre sottolineavano a più riprese che “l’Estate di Gallipoli è cominciata”. Acusticamente, è sembrato di stare davvero in piena stagione gallipolina con la musica in onda tra le onde di un venticello da nord, e le code con tanti giovani, in gran parte senza mascherina mentre aspettavano il loro turno per entrare al Kabana, dopo i controlli di due operatori con le mascherine.

Tre appuntamenti segnano l’avvio della stagione

I video della serata al Praja hanno girato parecchio in rete, suscitando reazioni contrastanti. Ma è indubbio che c’è tanta gente in attesa di potersi godere il mare, il ballo e la musica. Gli imprenditori del settore ne sono incoraggiati, ma “sempre nelle regole in tutti i vari ambienti messi a disposizione”, come hanno specificato anche ieri su piazzasalento.

Non metteremo mai a repentaglio la salute dei nostri clienti: dalla capienza (ridotta da 3.600 a 2mila posti) alle regole contenute nell’ultima ordinanza della Regione”, hanno ribadito i titolari dei locali. “Siamo partiti dopo le normative di sicurezza dettate dalla Regione Puglia nel mese di giugno, quando si è constatato che la situazione era ormai più tranquilla e che si poteva permettere di ripartire anche al turismo della notte”, ripetono convinti di stare nei limiti consentiti dalle leggi.

“Tutto nelle regole”

Il programma per le prossime iniziative è pronto. In Puglia altre delle 180 strutture esistenti stanno per avviare l’attività stagionale, forti anche degli eventi realizzati a  Gallipoli. Con la promessa, tutta da vedere realizzata, di riuscire a coniugare divertimento con distanziamento.