Gallipoli: un piano d’ulivo in un uliveto contro il flagello Xylella per l’anteprima del Festival “ClassicheForme”

666
Beatrice Rana
Beatrice Rana

Gallipoli – La musica di un pianoforte di legno d’ulivo risuonerà al tramonto in un uliveto malato di xylella: a esibirsi sarà la giovane pianista Beatrice Rana, protagonista dell’evento “TramontOlive”. L’appuntamento è per lunedì 1 luglio, alle ore 19, presso l’uliveto di Cantine Coppola 1489.

La serata sarà l’anteprima della terza edizione del Festival internazionale di musica da Camera “ClassicheForme”, fondato e diretto dalla pluripremiata pianista 26enne, nata a Copertino e residente ad Arnesano. Info allo 0833.201425. Ingresso libero con prenotazione obbligatoria fino a esaurimento posti disponili, scrivendo a info@classicheforme.com (possibili non più di 5 ingressi nominativi per mail).

Il Festival “ClassicheForme” si terrà a Lecce dal 5 al 7 luglio, con il sostegno dell’assessorato all’Industria turistica e culturale della Regione Puglia: durante la manifestazione, la pianista si esibirà con il suo Fazioli “Olive”, un pianoforte (modello 212) interamente rivestito in legno d’ulivo.

Pubblicità

La musica e la terra. “Io sono una pianista, ma la mia famiglia ha una forte tradizione legata all’agricoltura – racconta Rana. – Il male del secolo che sta affliggendo il Salento ha toccato tante famiglie che io conosco personalmente. Quando l’ingegnere Paolo Fazioli, a Sacile, mi ha proposto l’Olive come secondo pianoforte per l’edizione 2019 del Festival, mi è sembrata una coincidenza straordinaria. Suonare quel pianoforte in un campo di ulivi flagellato dalla xylella è un momento di riflessione sull’identità del Salento e dei suoi abitanti verso le sorti di una pianta che ha segnato la storia non solo gastronomica di un territorio: pensiamo all’olio lampante che all’inizio del Novecento ha illuminato le capitali d’Europa. Tanti artisti hanno dato il loro contributo alla lotta contro questo triste fenomeno e desidero farlo anch’io”.

Una malattia subdola che ha piegato alberi e persone – afferma Loredana Capone, assessore all’Industria turistica e culturale della Regione Puglia. – Comunità intere pagano e pagheranno il dramma consumato in questi anni e non ci sarà rimedio per ripagare
generazioni di cura, passione e dedizione verso la propria terra. Si può e si deve, però, provare a ricostruire, perché ai nostri figli dobbiamo e vogliamo consegnare un futuro che profuma di passato, di storia. E la storia del Salento passa dagli ulivi. Sarà bellissimo vedere un’artista straordinaria come Beatrice Rana dare voce alla voglia di riscatto di un popolo che oggi assume la forma della lotta contro la xylella”.

Il pianoforte di Rana il 6 luglio a Lecce. La pianista si esibirà poi con il suo pianoforte in legno d’ulivo al Chiostro dell’antico seminario di Lecce la sera del 6 luglio, nel concerto di ClassicheForme insieme al maestro Benedetto Lupo e ai percussionisti Simone Rubino e Andrea Toselli.

Un video nel Salento. Inoltre, da sabato 29 giugno sarà girato nel Salento il video promozionale del terzo album di Beatrice Rana, edito da Warner Classics e in uscita il prossimo ottobre. Il lavoro sarà dedicato a Stravinskij e Ravel. Le riprese dureranno tre giorni e si concentreranno tra Lecce e provincia.

 

Pubblicità