Gallipoli, c’è un altro caso di amore fisico…

11279
Gli innamorati vicino alla fontana greca
Gli innamorati vicino alla fontana greca

GALLIPOLI. C’è un altro caso di corpi avvinghiati in stato amoroso. Per la verità, c’era già da tempo immemore, ma se n’è sempre parlato poco e qui oggi lo richiamiamo grazie ad un lettore. I due giovani sono un corpo unico, uniti da un amore eterno per volere degli dei. Le membra sono ben visibili e inequivocabili, eppure nessun tg vi si è soffermato e internet continua ad ignorarlo. Ecco allora il racconto, con tutti i particolari, di Giuseppe Buccarella di Gallipoli. Se non è sesso, poco ci manca…

A Gallipoli la maledizione dell’amore eterno

Gallipoli per molti, è conosciuta come città ricca di storia, cultura,  riti e tradizioni,  ma è anche piena di misteri, miti e leggende.Storie che hanno suscitato l’interesse e curiosità di molti visitatori, di qualunque età.Alcune di queste sono celate dietro tre bassorilievi realizzati su uno dei monumenti più importanti  della città: la fontana greco-romana. Già famosa per i contrasti emersi tra alcuni studiosi,in merito all’attribuzione della data di costruzione, la fontana ellenistica sulla sua parte sud, presenta alcune scene tratte dalla mitologia greca.

Si tratta delle storie di Dirce, Sàlmace e Biblis, tre ninfe tramutate in fonti. Ma quella che ha fatto piu scalpore è racchiusa nel riquadro centrale: è la rappresentazione della ninfa Sàlmace che invaghitasi del giovane dio Ermafrodito, riuscì ad attirarlo e a catturarlo, e stringendolo a sè, chiese alle divinità di poter restare eternamente con lui. Gli dei, nell’intento di esaudire la sua richiesta, congiunsero i due giovani in un unico corpo (nella scena si vede Venere che tiene legati i due giovani sotto di essa; in alto Cupido, lancia loro il dardo dell’eterno amore). Ermafrodito così lanciò una maledizione: chiunque si fosse avvicinato o per di più bagnato dell’acqua di quella fonte avrebbe condiviso il suo tragico destino.

Oggi le coppie innamorate si soffermano su questa parte della fontana per esprimersi l’amore eterno, suggellandolo con un bacio.
La maggior parte di esse, immortala il momento con una fotografia. “La ninfa Sàlmace fu pietrificata per aver scelto marito. Felice la giovane se conserva dentro di sè la presenza del suo uomo, ma ancor più beato sei tu o giovane se ti sei unito ad una fanciulla in un unico corpo.  Doppiamente felice quell’uno a cui é concesso essere due.”