Gallipoli, Capodanno senza i “pupi” da bruciare, ma resta l’ironia e la voglia di buttarsi alle spalle il 2020

2934

Gallipoli – L’anno scorso, di questo periodo, era già cominciato il conto alla rovescia per lo “sparo del pupo”, il tradizionale “rito del fuoco” con cui la notte di San Silvestro i gallipolini salutano il nuovo anno, non dopo aver “sistemato per le feste” quello appena passato.

Quest’anno, purtroppo, complice il Covid e la “zona rossa” di questi giorni, sarà (ironia della sorte) proprio questo 2020 a prendersi la rivincita e a farsi beffe di quanti ne avrebbero avuto ben donde pur di vederlo ridotto in cenere.

Dopo il forfait annunciato sui social dai gruppi storici “Ampalea dei Leoni” e “Arbacani”, arriva ora, in formato “a lunga conservazione” anche quello del gruppo “Fideliter Excubat”, con sede nel centro storico presso il Chiostro San Domenico: i ragazzi, per intenderci, che il loro “Pupo” lo bruciavano da qualche anno la sera del primo gennaio, in piazza Stazione. Giorni orsono sono stati loro a chiedere, sempre sui social, la disponibilità di una cella frigo: non per conservare i vaccini anti-Covid però.

A svelare l’arcano è un’ode in vernacolo dall’eloquente  titolo “Lu Pupu congelatu” comparsa all’ingresso di un supermercato cittadino assieme a un Pupo (verosimilmente quello che si sarebbe dovuto sparare per questo capodanno), incellofanato con tanto di ortaggi scaramantici.

«In questi giorni – scrivono i giovani del gruppo “Fideliter Excubat”- molti si saranno chiesti a cosa ci servisse una cella frigorifera. Adesso (ringraziando il supermercato per l’ospitalità, augurando buon anno, e sperando di aver strappato un sorriso) ve lo sveliamo: dobbiamo conservare la nostra tradizione. In tempo di decreti e restrizioni e in attesa di tempi migliori abbiamo congelato il Pupo della Stazione:

“LU PUPU CONGELATU”
Stringimu n’addru picca la cinta,lu culu e li tienti
manchene ore ccu ssè ndè vae lu tomilaeventi
A memoria te li tata mai nci su stati anni ccusì fatienti
vabbande mprima bruttu tomilaeventi.
E cci se la critia can de cchiamu a sta’ situazione
mancu st’annu sparamu u pupu ta stazione
Zona russa,gialla e poi arancione
ma a nui caddhipulini nu ndè llevi la tradizione
Bombe,tricchi tracchi nu corpu a ncapu e poi nu crande focu
nienti te quistu putimu fare ca ncè lu coprifocu
Se esse poi nu ssè esse,Conte ave decretatu
ma te tanimu prontu e t’imu congelatu
Paru ccu lu lacciu,beddrusinu e na ciapuddra ca pari nu mbotu
bruttu tomilaevinti nu ssì bonu mancu ppè lu brotu
Ndai purtatu tanta brava gente ma puru ppè te la fossa sta zzappu
nu bastava morricone puru lu nostru amatu Pici tappu
La capu te zzumpamu ccù na bomba anzi toi
tomilavinti vabbande anculu alli morti toi!!!