Gallipoli, al via il Festival per il centernario del compositore Francesco Luigi Bianco

1281
Francesco Luigi Bianco

Gallipoli Prenderà il via sabato 22 febbraio alle ore 19,30 presso la Biblioteca comunale ex sant’Angelo (nel centro storico) la serata di apertura del Festival per il centenario del compositore gallipolino Francesco Luigi Bianco.

Questa prima serata del Festival, dal titolo “Frammenti di memoria”, sarà un vero e proprio viaggio attraverso la storia, la tradizione, la musica e la poesia. L’ingresso è libero.

Il programma

In apertura l’esecuzione in prima assoluta di alcuni brani sconosciuti del maestro Francesco Luigi Bianco. Si proseguirà poi con le musiche di un altro compositore gallipolino, Ercole Panico. E si parlerà anche del Carnevale in città.

Presentata da Eugenio Chetta, la serata vedrà gli interventi del Sindaco Stefano Minerva, di don Salvatore Leopizzi e di Giuseppe Albahari, con le voci narranti di Luigi Grassetti e Antonietta Albate. Verranno poi declamate le poesie di don Luciano Solidoro, Emilio Passeri e don Pippi Leopizzi, e si potranno ascoltare le musiche di Gino Metti e Alfredo Dongiovanni. Fra gli artisti presenti, i soprani Laura de Vita e Antonella Marzi, e il baritono Francesco Dell’Orco. Inoltre, il maestro Luigi Solidoro, arrangiatore dei brani, si esibirà al pianoforte, con Tommaso Passeri al violino e Antonio Monterosso al clarinetto.

Musica e arte a Gallipoli, fra presente e passato

Laura De Vita

Il Festival sarà un viaggio alla riscoperta delle nostre radici, così spesso sottovalutate e dimenticate” afferma Laura De Vita, cantante lirica e ideatrice del Festival.

Numerosissime le novità in programma – prosegue De Vita –, tra cui una serata in compagnia delle pronipoti del maestro Francesco Luigi Bianco, che io stessa sono riuscita a trovare dopo lunghe ricerche in tutta Italia. È un progetto culturale che abbraccia più settori, in particolare la storia, le tradizioni locali, la musica, la poesia e la danza, e vedrà l’esecuzione di molte opere inedite di artisti gallipolini sia del presente che del passato”. 

Bianco, un artista da riscoprire

Laura De Vita ha dedicato un intero volume a Bianco, conosciuto per le “Frottole” eseguite il Venerdì della Madonna Addolorata (“Ahi sventura!, L’han confitto, Una Turba di gente”) e molto care ai gallipolini. Il 100° anniversario della morte del compositore ricorrerà il prossimo 6 novembre. 

Il libro di De Vita, dal titolo “Francesco Luigi Bianco (1859-1920). Biografia di un musicista gallipolino nel 160° anniversario della nascita”, è stato pubblicato nel marzo 2019 e svela come il maestro Bianco sia stato anche autore di tre opere liriche, polke, mazurke, valzer, studi sinfonici, barcarole, notturni, inni, marce, canzoni napoletane e romanze da salotto.

Il volume è una fedele ricostruzione della vita e delle opere del musicista, arricchita da note contenenti notizie e curiosità che raccontano la società dell’epoca, con i suoi personaggi, i suoi problemi e le sue passioni. In appendice al volume venti spartiti dell’autore. 

Organizzazione

Il Festival per il centenario di Francesco Luigi Bianco è organizzato dall’associazione Filarmonica Città di Gallipoli presieduta da Luciano Alemanno, in collaborazione con il Comune di Gallipoli e l’Accademia “Germogli d’arte” di Copertino guidata dal tenore internazionale Salvatore Cordella.

Patrocina l’evento l’Assessorato all’industria turistica e culturale della Regione Puglia.