San Rocco va, nonostante il tempaccio

1401
Le luminarie in piazza Vittorio Emanuele II

Alezio. Il cattivo tempo stava per mettere in crisi la festa in onore del patrono San Rocco. Ma il vento e la pioggia di sabato mattina hanno lasciato spazio al sole, premiando chi non si era scoraggiato davanti a nubi nere. Oltre alle celebrazioni religiose, che hanno preso il via già nei giorni precedenti, a partire dal 12, con il triduo solenne, la santa messa e la processione, i festeggiamenti civili si sono svolti con una grande partecipazione di aletini e di tanti abitanti dei paesi limitrofi. Attratti dal programma o semplicemente per devozione a San Rocco, protettore dei malati, invalidi e dei prigionieri.

La festa è entrata nel vivo la vigilia, giorno 15. La sera si è tenuta la processione e subito dopo la cittadina ha potuto divertirsi in piazza con la musica di “Vascolive”, cover band di Vasco Rossi, il rocker italiano per eccellenza.

Non è stato l’unico momento musicale, anzi. Nei due giorni si sono avuti diversi concerti bandistici, a partire da quello della città di Taviano, poi della città di Conversano, diretta dal maestro concertatore Vincenzo Cammarano e dalla città di Conversano diretta dal maestro Angelo Schirinzi. Si è avuto anche il concerto bandistico della scuola di musica “Amici di San Rocco”, voluto dall’omonimo gruppo parrocchiale.

In occasione della festa Alezio ha vissuto un altro momento emozionante: nella sua stazione si è fermato il Treno storico “Salento express” delle Ferrovie Sud Est, nella giornata di sabato. L’evento rientrava nel progetto  “I treni del centenario” e si è avuto per la celebrazione del centenario della ferrovia Nardò-Tricase-Maglie e gli ottant’anni delle Ferrovie. Ad accogliere il convoglio, la banda musicale, le autorità, gli alunni delle scuole e i tanti appassionati dei treni, che hanno potuto visitare le carrozze, dove si ripercorreva la storia dei convogli ferroviari.