Parabita – Giochi, balli, canti e preghiere quale alternativa ad Halloween: lo propone a Parabita don Albino De Marco, della parrocchia Sant’Antonio di Padova. La necessità di  recuperare il senso di una festa nasce anche dal ricordo di quanto accadde lo scorso anno quando, una “bravata” di pessimo gusto venne compiuta da ignoti, giusto la sera del 31 ottobre, prendendo di mira la statua bronzea di San Pio, nella piazzetta sulla strada per Collepasso. Per evitare un simile scempio, la parrocchia si è attivata con un programma fatto di iniziative a partire dal pomeriggio. Il ritrovo dei vari gruppi è previsto alle 16 nei pressi della piazzetta dove si svolgeranno diverse le attività come giochi, balli, momenti di preghiera e altro. L’evento sarà pure caratterizzato dalla “condivisione della merenda” a cura del gruppo di Azione cattolica dei ragazzi. Sul tardi, a garantire la loro presenza saranno pure gli adulti i quali reciteranno il Rosario ai piedi del simulacro del Santo.

Il parroco «Ci si può divertire rispettando la sacralità del luogo. Attraverso questa circostanza tutti quanti saremo testimoni di una “chiesa in uscita”», afferma il parroco originario di Casarano. Lo scorso marzo furono i volontari del gruppo di preghiera di San Pio, che attualmente sono i custodi incaricati alla cura del luogo ,a presentare un appello corredato da 600 firme alla Commissione straordinaria del Comune rimarcando l’esigenza di intensificare la tutela e il decoro di questo luogo di proprietà comunale.

 

Pubblicità

 

Pubblicità

Commenta la notizia!