Felline, il gruppo dell’Azione cattolica anima il presepe vivente nel frantoio ipogeo. In attesa della tombolata del 5 gennaio

810
Una parte del direttivo dell’Azione cattolica Felline

Felline (Alliste) – Dicembre, come da tradizione associativa, è un mese ricco di appuntamenti e di bellezza per l’Azione cattolica. Dopo aver vissuto la festa dell’adesione, animato la pastorale natalizia e visitato il presepe di Massafra, il gruppo è impegnato nel suo più grande e ambizioso appuntamento: quest’anno, infatti, è stata riconfermata l’iniziativa del presepe vivente nel frantoio ipogeo, giunto alla sua seconda edizione.

Paola Martina

Prossima apertura l’1 gennaio. Ragazzi e educatori riproporranno gli scenari della Betlemme dei tempi antichi, e lo faranno all’interno di un ambiente suggestivo e secolare, vissuto e funzionante fino ai primi decenni del secolo scorso, nonché luogo ricco di ricordi e patrimonio culturale del piccolo borgo. “Dopo il successo inatteso dello scorso anno, riproponiamo un appuntamento reso emozionante dai nostri ragazzi e dalla riproduzione delle scene di vita quotidiana e familiare – spiega la presidente, Paola Martina. – La prima serata del 25 dicembre ha riscosso una discreta partecipazione, ma la soddisfazione più grande è stata percepire la gioia negli occhi e nel cuore dei visitatori”. La seconda e ultima data di apertura del presepe vivente nell’ipogeo è fissata per l’1 gennaio, dalle ore 18 alle 21. Il 5 del mese, inoltre, l’Azione cattolica fellinese vivrà un nuovo momento comunitario con la consueta “Tombolata della solidarietà”, alle ore 19 presso l’Oratorio.

Pubblicità