Elezioni politiche, D’Alema riparte dal Salento. Obiettivo: il Senato

1853
Massimo D’Alema e Linda Giuva, la moglie

Gallipoli – Dopo indiscrezioni sempre più frequenti, in queste ore si è avuta una prima conferma. Le ipotesi, ventilate dallo stesso Massimo D’Alema (“Se mi viene chiesto di candidarmi, ci posso pensare”), sono ormai una certezza. Il parlamentare “del collegio di Gallipoli”, già presidente del Cpnsiglio dei ministri, europarlamentare e – agli inizi – segretario regionale del Pci, è di nuovo in campo in vista delle eleziomi politiche della prossima primavera. Il primo passo è stato compiuto oggi: nella prima assemblea provinciale promossa da Articolo 1 – Movimento democratici e progressisti, D’Alema è tra i delegati all’assemblea nazionale del prossimo 3 dicembre. che vedrà anche la partecipazione di Sinistra italiana e Possibile di Civati. L’obiettivo non dichiarato (“Per scaramanzia” ha detto con una battuta in un incontro ad Alezio) è il Senato. Questi gli altri 19 eletti: Gabriele Abaterusso (Patù), Maria Teresa Bellante (Casarano),  Alessandra Boccardo (Nardò), Matteo Calcagnile, Antonio De Donno, Pupa De Maggio, Valerio Ferilli, Anna Inguscio, Laura Isernio, Antonella Lezzi, Marianna Lentini, Emilio Miccoli, Giuseppe Salvatore Piconese (Uggiano La Chiesa), Sonia Pellizzari (Sogliano ) , Rita Quarta, Daniela Sindaco, Salvatore Serra, Francesca Torsello (Alessano), Pierluigi Valentino. I due delegati supplenti sono Robert D’Alessandro (Racale) e Danilo Scorrano (Sannicola). “Un’assemblea unitaria, quella di oggi a Lecce – scrivono in una nota gli organizzatori – che nasce dalla necessità di avviare un percorso alternativo al Pd, alla destra e al Movimento 5 Stelle, che parta dai temi importanti quali il lavoro, la scuola, la sanità, i diritti e la lotta alle disuguaglianze per dar vita a un progetto di ampio respiro che ridia una casa politica agli elettori di sinistra e risponda alle esigenze dei cittadini”.

 

Pubblicità