Edilizia popolare e occupazioni abusive: l’on. Donno chiede una “ricognizione urgente” a tutti i Sindaci del Salento

305

Gallipoli – Una “ricognizione urgente” delle occupazioni abusive degli alloggi popolari di proprietà comunale è quanto chiede a tutti i Sindaci del Salento il deputato del Movimento 5 stelle Leonardo Donno.

L’onorevole di Galatina dà seguito alla sua iniziativa, avviata oltre un anno fa, sul fronte del “ripristino della legalità sul fronte dell’edilizia residenziale pubblica”. «Il 10 luglio 2019 – ricorda Donno – ho presentato ad Arca Sud una richiesta di accesso agli atti per prendere visione delle procedure di decadenza delle assegnazioni delle abitazioni popolari avviate a decorrere dall’anno 2009 in tutti gli immobili del Leccese. Dal riscontro all’istanza è risultata la sussistenza di 323 pratiche di decadenza relative all’assegnazione delle case popolari per la Provincia di Lecce, che attendono ancora di essere evase».

I numeri

In riscontro ad una seconda richiesta formulata il 25 settembre 2019 è poi emersa,  sempre a partire dal 2009, “la sussistenza di ben 405 occupazioni illecite” e con una nuova richiesta di accesso agli atti fatta ad ottobre 2020 “ho potuto constatare che la situazione è rimasta pressoché invariata, in alcuni Comuni addirittura è peggiorata”. La preoccupazione è anche quella che il periodo di quarantena “potrebbe aver comportato l’aumento delle occupazioni abusive, come avvenuto in altre province del territorio nazionale”.

«Mi preme ribadire – spiega Donno – che l’obiettivo di questa battaglia non è assolutamente quello di lasciare per strada la povera gente, anzi. Ma dagli accertamenti che sto conducendo in questi mesi sono emersi fenomeni di una gravità inaudita e che, in alcuni casi, chiamano in causa amministratori in prima persona».

Lo scorso novembre lo stesso parlamentare dei 5 Stelle aveva denunciato una situazione “anomala” nell’occupazione abusiva di alcuni alloggi di edilizia popolare a Nardò, città  al primo posto nella speciale classifica dell’abusivismo (con 58 alloggi occupati), precedendo addirittura Lecce).

«Anche di questo – conclude Donno – ho avuto modo di parlare con la Prefetto Trio nei gironi scorsi, la quale mi ha garantito la massima attenzione. Ho confermato alla Prefetto massima disponibilità e continuerò ad aggiornarla su eventuali segnalazioni di illegalità concernenti le occupazioni abusive».