E il sogno si avverò: ballerino a “La Scala”

2383
Gabriele Corrado con Rosita Corsano

Casarano. Lasciare affetti e terra natia per inseguire un sogno che si realizza dopo anni di duri sacrifici, proprio come nelle favole più belle. È questa la storia di Gabriele Corrado, primo ballerino del Teatro alla Scala e ballerino solista della compagnia “Le Ballets de Monte-Carlo”. «Ho iniziato ballare a 7 anni – ricorda Corrado – nella scuola ‘Scarpette Rosa’ della maestra Rosita Corsano e sin dal primo momento ho capito che ero nel posto giusto».

All’età di 11 il ballerino viene notato da maestri qualificati in alcuni stage organizzati dalla stessa scuola (così come accade ancora oggi) e, dopo lunghe e severe selezioni, Corrado viene  ammesso all’Accademia del prestigioso teatro milanese. Dal diploma, ottenuto nel 2005, in poi la scalata verso il meritato successo.

«I sacrifici sono stati veramente tanti – continua il ballerino professionista – , ma l’orgoglio nel veder realizzato il  mio sogno mi ha ripagato di tutto. La fiducia e l’attenzione che Rosita ha riposto in me sono state fondamentali per la mia crescita». Malgrado la fama, però, Corrado non dimentica le sue origini e per aiutare i tanti ragazzi che sognano di diventare ballerini organizza in giro per l’Italia degli stage. Uno di questi si è tenuto nei giorni scorsi presso la scuola “Scarpette Rosa”. Ma i progetti di Corrado non finiscono certo qui. «Mi piacerebbe molto portare la danza professionale a Casarano, per promuovere la cultura della danza ad alto livello. Purtroppo per vari problemi non ci sono ancora riuscito, spero di farcela in futuro».

LP